martedì 13 luglio 2021

Un Natale da strega di Margot Valois

Titolo: Un Natale da strega

Autore: Margot Valois
Genere: Racconto natalizio, Retailling Paranormal Romance
Casa editrice: Pink Books
46 Pagine 
Autoconclusivo


Trama



Arlette è una strega parigina che vive a New York, dove dirige una galleria d’arte a due passi da Madison Avenue.
È indaffarata come non mai per i preparativi di Natale e non si aspetta davvero di ricevere una richiesta molto particolare da una ricca e viziata cliente dell’Upper East Side.
A farle compagnia, durante la bufera di neve che investe Manhattan, una serie di personaggi bizzarri tra cui anche Merlino, il suo bellissimo gatto nero.
L’ombra del passato sta per tornare nella vita di Arlette, per sconvolgerle tutti i piani.
Un passato che porta il nome di Lance..



Una bellissima storia con sfonda la leggenda di Re Artù. Abbiamo davvero tutti i personaggi della leggenda ai giorni nostri, a NY, con una maledizione! 
Una lettura leggera, un oretta al massimo, e deliziosamente romantica! 

Arlette/Morgana, si trova a NY. Si occupa di una galleria d'arte. Un giorno viene da lei una giovane che si è invaghita di suo fratello, Artù. E così scopre che anche Lance/Lancillotto è nei paraggi. E vuole a tutti i costi evitarlo come la peste, perché ogni volta la maledizione che li ha in pugno, la fa soffrire come un cane. 
Ma si può evitare il destino? Sarà magari l'anno buono per sperare in un miracolo?

Eh bene che dire?? 
Questa novellina è veloce, ma intensa. Tutti i personaggi non hanno scelta per quanto riguarda la loro sorte, ma qualcosa questa volte volge in loro favore. Sarà il Natale o la forza di volontà di Merlino? (Perché siii c'è anche lui, come gattino sempre pronto a dare consigli su come agire). 

Margot Valois è davvero brava nello scrivere. Uno stile fluido che ti prende e ti fa sperare nei miracoli. 
L'amore tra i protgonisti principali è intriso di ostacoli, ma sempre pronto a rinascere ogni volta, Letteralmente ogni santissima volta! Senza intoppi sarebbe perfetto... O senza Corna magari! 




Nessun commento:

Posta un commento