venerdì 11 gennaio 2019

Tormento di Marty Sunrise


Titolo: Tormento

Serie: Your darkest desire (“Tormento” è il volume 1)
Autore: Marty Sunrise
Editore: Self-publishing
Genere: Mafia Romance
Narrazione: prima persona, pov alternati dei due protagonisti
Data Cover Reveal: 11 gennaio 2019
Data Pubblicazione: 16 gennaio 2019


Trama


Il mio nome è Goran Doković. Sono un ubica e un komandir. Nato nella miseria, ho scalato la montagna del potere fin quasi a raggiungerne l’apice. Ho portato a termine ogni incarico affidatomi e ora, davanti a me, ho quello più importante. Le mie regole sono semplici. Esegui. Conquista. Resisti. Vinci. Le ho sempre seguite con gelida precisione e credevo di avere tutto sotto controllo, fino a che i miei occhi hanno incrociato delle iridi fiere dal colore di piombo. Lei. Una luce nell'oscurità. Una pistola puntata alla mia tempia. L’ambizione e la voglia di riscatto si scontrano con il più oscuro e sbagliato dei desideri, ma io so cosa devo fare. E lo farò. Senza indugio.

Il mio nome è Elektra. Del mio cognome importa più agli altri che a me. La vita mi ha messo alla prova tante di quelle volte che ho perso il conto, ma mai come adesso. Ogni mia convinzione si è sgretolata nel momento in cui ho capito che, la mia esistenza così come la conoscevo, non esiste più. Tutto mi è estraneo, non ho punti di riferimento… ma ho lui. Il mio angelo custode. Il mio demone tentatore. Un uomo tanto pericoloso quanto magnetico tra le cui braccia mi sento sicura. La brama che risveglia in me è sbagliata, inopportuna, afrodisiaca. Fidarmi di lui sarà la cosa giusta da fare o mi condannerà a qualcosa di irreparabile?


Tutto ebbe inizio con il sangue e la paura.
Tutto ebbe fine con un animo infranto.




Estratti


Elektra. Era un nome molto bello, trasmetteva forza, coraggio e tenacia. Mi faceva pensare a una jahačica, un’amazzone, una principessa guerriera… e cazzo, mi piaceva. 

Ipotizzai che forse non sarebbe stato tanto noioso studiare la sua vita, poi il mio sguardo cadde sull'unica foto presente, e ne ebbi la certezza. I suoi occhi.Cazzo, i suoi occhi erano come il suo nome.











Nessun commento:

Posta un commento