sabato 23 giugno 2018

For the love of English di A.M. Hargrove

Titolo: For the love of English

Autore: A.M. Hargrove
Editore: Quixote Edizioni
Genere: Romance contemporaneo
Uscita: 1 maggio 2018

Trama:

Beckley Bridges, padre single, è sexy da far paura. Sul serio, è la cosa più bollente da quando è stato creato il sole, tanto che se gli rompi un uovo addosso, quello inizia a sfrigolare. Quindi qual è il problema? Che è anche uno stronzo colossale. Lo odio, quel bastardo. Cerco di evitarlo in ogni modo, ma per qualche motivo salta fuori ovunque io vada.
Il vero problema, però, è sua figlia, English. È un’adorabile, eccentrica bambina di prima elementare, e la cosa più dolce da quando hanno inventato il tè freddo. Ed è una dei miei scolari, ma è anche l'amore della sua vita. Perciò devo per forza avere a che fare con lui a livello professionale. Non è semplice. Su una scala che va da facile a difficile, avere a che fare con Beckley Bridges è come avere a che fare con delle unghie che grattano sulla lavagna.
Ma dato che la madre di English cerca di ottenere la custodia, dopo averla abbandonata sulla porta di Beckley quando era una neonata, lui è disposto a fare tutto il possibile per tenerla con sé.
È per questo che mi ha fatto la proposta.
E per quanto la cosa possa sembrare folle, mi sono ritrovata a pensarci su.



Giorni fa ho avuto modo di leggere il dolcissimo romanzo Edito Quixote edizioni e ne sono rimasta stregata.
L'inizio della storia parte con un flashback di ciò che è successo 5 anni prima. Un evento cambia la vita di Beck, giovane ragazzo di 19 anni. Dopo essersi svegliato da una notte di bravate si troverà a prendersi cura di una neonata: sua figlia English.
A questo punto c'è una scena che farebbe spuntare a chiunque gli occhi a cuoricino. 
Beck è un papà nato. 

Dopo questo episodio la scena si sposta al presente. La piccola English va a scuola e si trova come maestra Sheridan Monroe. Appena la vede Sher è spacciata. Quella bambina con boccolosi capelli biondi e occhi verdi azzurri le è già entrata nel cuore. 
E se suo papà pur essendo un sexy esemplare di uomo, fosse anche un orco burbero e ombroso? 

Ora, io ho incontrato delle persone bizzarre in vita mia , e ho passato dei momenti ruvidi. E voglio dire così ruvidi che ero sicura che tutta la mia pelle fosse stata grattugiata via... quel genere di ruvido. Ma questo tizio per me è un enigma, e forse è per questo che non riesco a smettere di pensare a lui. E ovviamente c'è quella meraviglia di bimba che vedo tutti i giorni.

Ho adorato questo romanzo. 
Innanzitutto è scritto benissimo. Lo stile è semplice e curato, il che permette alla storia di essere letta d'un fiato senza annoiare il lettore.
Poi tratta di temi molto importanti: il rapporto tra genitori e figli, i casi di affidamento dopo il divorzio e della cura degli insegnanti dovrebbero avere nei confronti degli alunni. 

Sheridan e Back si incontrano per la prima volta durante un ricevimento dei genitori e tra loro scatta subito una scintilla di qualcosa. Irritazione? Odio? Attrazione? 
Si può dire che tutta la vicenda ruota attorno alla bambina. I suoi desideri, il suo essere protetta e al sicuro.
Quando imparano a conoscersi meglio e e voler andare oltre, la prima cosa a cui pensano è sempre English. 

Che dire poi nei momenti tra i piccioncini... all'inizio sono divertenti e ironici, ma andando avanti nella storia diventano dolci e piccanti al tempo stesso. Sono l'uno l'ancora dell'altro. Si sostengono e lottano in entrambi con le unghie e con i denti. 
Credo che sia proprio questo che mi ha fatto amare questo romanzo. Anche nei momenti di disperazione, angoscia e dolore sia Beth che Sher saranno sempre con il sorriso sulle labbra per la piccola.

Un'altra cosa a favore è il doppio POV in prima persona. Grazie all'alternanza dei punti di vista si possono conoscere alla perfezione due protagonisti e a sperare più possibile che possano stare sempre SOTTO L'ARCOBALENO.





Nessun commento:

Posta un commento