lunedì 21 maggio 2018

Nemesi di Zoe Blac

Nemesi
di Zoe Blac
Duologia del Buio #2
#Self


Sinossi

Il risveglio non sarà come lo avevano immaginato Elettra e Lucas, il destino si abbatterà su di loro proprio quando entrambi avevano deposto le armi.
Cosa accade ad un uomo quando gli viene sottratto tutto? L'amore, la propria vita, il proprio lavoro. Lucas non ha più nulla, non gli rimane, quindi, che cedere al tormento e ad una rabbia cieca e distruttrice: la sua luce si è spenta con la scomparsa della donna alla quale aveva donato ogni cosa.
Elettra ha fatto la sua scelta, ha deciso lei per entrambi, nella convinzione che solo in questo modo sia possibile liberare l'uomo che ama dalla maledizione che la perseguita sin dalla nascita.
Il dolore getterà la donna nel buco nero dal quale era uscita, quel luogo oscuro e asfissiante che è dentro di lei.
Le anime mutilate dei due giovani si divideranno a Roma, per ritrovarsi in una notte di luna piena nel misterioso e selvaggio sfondo della Savana, dove tutto è possibile, ma niente è come appare.
Il Congo e i suoi scenari faranno da sfondo in questo capitolo conclusivo, nel quale nuove figure si intrecceranno alle sorti dei due protagonisti. Quello che Elettra e Lucas scopriranno insieme non è solo il loro destino, ma la strada che li condurrà in una nuova, affascinante avventura dai contorni sorprendenti.

NEMESI è L'ultimo capitolo del romanzo Claustrofobia.
Il romanzo tratta delle tematiche consigliate solo ad un pubblico adulto e consapevole.

Quest’opera contribuisce a sostenere il progetto Save the Children.
Duologia del Buio : 
#1 - Claustrofobia 
#2 - Nemesi



Care Girls, avevamo lasciato Lucas ed Elettra in Claustrofobia, il precedente libro, innamorati più che mai, per cui vi lascio immaginare con quanta emozione mi sono tuffata tra le tanto attese pagine di Nemesi!!! Ebbene, sin dai primi capitoli, le emozioni non sono mancate, tanto che il mio cuoricino si è praticamente frantumato in mille pezzi. A causa di un evento tragico che minerà la loro storia d’amore, il destino gli presenterà un bel conto da saldare, salatissimo per i due, tanto che ognuno di loro, si troverà dinnanzi a scelte dolorosissime da prendere. Vedremo un Lucas che non ha niente a che fare con il Lucas di Claustrofobia, vive di rabbia repressa, i suoi scatti d’ira incontrollabili lo faranno diventare una persona poca gradita a chi gli sta accanto, la sua è una vera e proprio lotta al massacro, rivolta però solo verso se stesso, come se cedendo agli stravizi e facendosi terreno bruciato attorno, potesse in qualche modo sfogare il suo malessere interiore, ma tutto questo, invece, non fa altro che alimentare il fuoco di distruzione che c’è in lui. Lucas si accusa di colpe che ai suoi occhi non hanno remissione di peccato, la fuga di Elettra lo ha destabilizzato, l’amore profondo che lo legava a lei viene giorno dopo giorno messo in discussione, il pensiero che lei stia tra le braccia di un altro uomo, gli fa perdere il lume della ragione, così come non sapere dove si sia nascosta e le vere motivazioni che l’hanno portata a scappare.

Ma perché Elettra ha messo fine alla loro storia d’amore? La “ tigre” che era in lei ha smesso di ruggire, di lottare, l’amore, la comprensione di Lucas, non sono bastati a farla risalire dal baratro in cui era caduta, lei si ritiene indegna di vivere al suo fianco, si vede come portatrice di sventura, e per il bene che prova per lui, preferisce amarlo a debita distanza. La mente umana è di una fragilità estrema, quando gli equilibri vengono a mancare, tutto quello che ci circonda viene visto sotto un’altra luce, ciò che prima ci dava forza, diventa ai nostri occhi debolezza, la giusta percezione della realtà viene compromessa, portandoci ad odiare noi stessi in primis, e poi chi ci sta accanto. In un barlume di apparente lucidità, o di egoismo, dipende dai punti di vista, Elettra decide di sparire dalla vita di Lucas, vuole dimenticarlo, così parte per una missione umanitaria in Africa, la stessa dove si trova la nonna. Vuole dare un taglio netto al passato, cercare di dare un senso alla sua esistenza e di ritrovare se stessa. Nella bellissima Africa eventi drammatici si susseguiranno, arricchendo il romanzo anche di nuove figure, personaggi contorti, che alimenteranno e a tratti destabilizzeranno ulteriormente gli equilibri.

Questa è stata una lettura non facile per me, voglio essere sincera, solitamente inizio un libro e cerco di finirlo il prima possibile, con questo non è stato così… La dinamica, gli eventi tragici e tutto quello che ne concerne, mi hanno portato a leggerlo come si suol dire, a spizzichi e a mozzichi, avevo quasi il terrore di scoprire, capitolo dopo capitolo, come si dipanasse l’intera storia, perché di pugni nello stomaco me ne ha dati tanti!!! Quanta sofferenza, quanta ingiustizia !!! Il destino che si accanisce su Lucas ed Elettra mi stava portando quasi a non terminarlo, i modi sbagliati in cui i due agiscono, le loro scelte, le loro decisioni, mi hanno fatto innervosire non poco!!! Ho cercato di giustificarli in più di un passaggio, ma niente, non ci riuscivo proprio, questo fino a quando, a pochi capitoli dalla fine, la storia ha preso tutta un’altra piega, è stato lì che tutti i miei dubbi e i miei tentennamenti nel giudicare questo romanzo sono spariti!!! Tutto ha avuto un senso, ogni cosa è tornata al suo posto, ogni cosa ha raggiunto il suo giusto equilibrio.

L’autrice è stata molto abile in questo, ha catturato la mia più totale attenzione, specie da metà libro in poi, dove la storia si arricchisce di eventi che mi hanno lasciata col fiato sospeso. E’ stata capace di far provare sulla mia pelle la sofferenza di Elettra e la devastazione emotiva di Lucas. E’ stata molto dettagliata nella descrizione dei paesaggi africani, degli usi e costumi del luogo, lasciandomi travolgere dalla magia del posto, il tutto è descritto con grande attenzione e competenza. Volutamente non ho raccontato nel dettaglio la dinamica della storia, questo perché dovete provare in prima persona quel tornado di emozioni che sono sicura vi travolgerà in pieno. La passione in questo libro regna sovrana!!! Pagine infuocate, da autocombustione, vi accompagneranno dall’inizio alla fine…Una raccomandazione voglio però farvela, continuate a leggere il libro, anche quando le budella vi si aggroviglieranno e il vostro fegato raggiungerà le dimensioni di una palla da rugby, ricordatevi queste parole…” Tutto ha un suo perché”…
Voglio salutarvi con queste bellissime parole…

“Desideravo spegnere la mia colpa con il bisogno ardente della sua anima.”







2 commenti:

  1. Non conoscevo questi libri e devo ammettere che mi ci sono soffermata per la strana ma stupenda copertina *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una duologia molto avvincente, da leggere assolutamente :)

      Elimina