domenica 20 agosto 2017

Quando arriva la notte di Francesca Petroni

Francesca Petroni
QUANDO ARRIVA
LA NOTTE
La Corte Editore

Trama:

L'uomo seduto di fronte a lei sostiene di essere il diavolo e a Virginia sembra proprio che sia così. Giovane, bello e potente, Cassio Deloitte è il presidente dell'azienda in cui lavora, una multinazionale che vende gioco d'azzardo in tutto il mondo. Fa parte di una famiglia importante, che ha legami e influenze nelle più alte sfere economiche e politiche. Per Virginia è ciò che di più lontano possa esistere. La sua vita scorre anonima, da brava ragazza, brava fidanzata, brava lavoratrice. Sarà l'incontro con Cassio che stravolgerà la sua esistenza. La passione e la dipendenza che si instaurerà tra loro la costringeranno a togliere una alla volta tutte le maschere che ha sempre messo per cominciare a vivere davvero ogni singolo aspetto della propria vita, con tutti i rischi, però, che questo comporta.






Virginia incontra Cassio. Il capo della sua azienda.
La prima impressione è che lui sia uno che si crede chissà chi, sbruffone e sapientone.
Lei sta vivendo un periodo molto buio.
Non si sente all'altezza, si sente sottovalutata, ha una storia con un uomo che la ama ma che è molto superficiale.
Cassio arriva ad un certo punto a farle aprire gli occhi su chi è e che aspettative ha sulla vita.
Tra una massima di filosofi vari e delle frasi sul bene e il male riuscirà a scoprire cosa fare della sua vita e quale via intraprendere?
Cassio e i suoi demoni la imprigioneranno o saprà uscirne più forte?

La mia risposta é:
Questo libro è una confusione...
Ho avuto difficoltà a leggerlo...

Il mio problema più grande in questo libro è il TU.. mi spiego meglio..
Quando leggo un libro voglio immedesimarmi. Certo che lo voglio. Cerco di provare quello che prova lei/lui. Ma non per forza in ogni scena! Altre preferisco vederle dal loro punto di vista e giudicare. Sono strana? Forse... ma quello è soggettivo. Come anche questa opinione mia personale sul leggere frasi del tipo:

"Lui fa per baciarti, ma tu inarchi la schiena e volti la testa di lato." 

Oppure:


"Inizi a succhiarla, lasciandoti andare a un mugolio di godimento e ti senti la peggiore delle p******e."

Io non sono lei e non avrei mai fatto quello ... capisco la voglia di far immedesimare il lettore, però ero in difficoltà con la lettura e in questo genere di scene mi son sentita "usata".
Non mi aspettavo questo genere di lettura.
Sono rimasta stupita ma non nel senso buono del termine.

Altri problemi sono le virgolette che a volte son messe male e non capisci dove finisce la frase detta.
E poi tutto é preso alla leggera. Quasi ogni argomento è trattato un po troppo superficialmente per me. La morte di un parente, la droga, la violenza e il suicidio... Tutti questi argomenti sono trattati in modo molto superfluo e molto sbrigativo.
Valutare questo libro è una cosa difficile.

La fine mi ha letteralmente mandato in pappa il cervello.
Cassio o non Cassio?

Due stelline per me son sufficenti. 



Mi dispiace non dare di più ma non è il mio genere di erotico. Se fosse scritto con il lei forse avrei dato 3 farfalline.







Nessun commento:

Posta un commento