venerdì 18 agosto 2017

OdioAmore di Penelope Ward

OdioAmore
Penelope Ward
Newton & Compton Editori
236 pagine
Romance

Trama:

Condividere una casa per le vacanze con un coinquilino sexy da morire dovrebbe essere un sogno che diventa realtà, giusto? Non se si tratta di Justin... l'unica persona che abbia mai amato... e che ora mi odia. Quando mia nonna è morta e mi ha lasciato metà della casa sull'isola di Aquidneck, c'era una trappola: l'altra metà appartiene al bambino che ha aiutato ad allevare. Lo stesso bambino che si è trasformato nell'adolescente a cui ho spezzato il cuore anni fa. Lo stesso adolescente che ora è un uomo con un corpo mozzafiato e una personalità complicata. Non lo vedevo da anni, e ora ci ritroviamo a convivere perché nessuno dei due è disposto a rinunciare alla casa. La cosa peggiore è che non è da solo. Ho capito presto che c'è una linea sottile tra amore e odio. Ho potuto guardare attraverso quel sorriso arrogante. Il ragazzino che conoscevo è ancora lì sotto. E anche il nostro legame. Proprio ora che non posso averlo, non l'ho mai desiderato di più.






Come prima cosa premetto che non posso fare un riassunto vero e proprio della storia, perché vorrebbe dire spoilerare il 70% del libro... il primo 30% invece si, dunque eccolo.

Amelia e Justin non si vedono da anni. Hanno avuto un'amicizia intensa che si poteva trasformare in qualcosa, se lei dopo aver scoperto un segreto non fosse scappata... ora dopo 10 anni di odio, Justin rivede lei. Lei rivede lui. Ma c'è di mezzo una ragazza... sapranno tornare al livello amicizia oppure resteranno al livello odio?

La Ward è una delle scrittrici estere più brave secondo me.
E questa meraviglia di storia non è un eccezione.

La storia è sviluppata in due tempi (come quasi ogni suo libro) il primo il confronto e il secondo la soluzione.
Nel primo tempo della narrazione si vedono due personaggi insicuri. Non sanno bene dove va a parare la loro intesa.. ma la frustrazione è alta. Penelope Ward sa come farti provare tutte le loro emozioni. Odio. Amore. Ansia. Gelosia. Frustrazione. Paura.



Nella seconda parte tutte queste emozioni sono moltiplicate per mille per via degli eventi che nascono.
Ma abbiamo anche un evoluzione dei personaggi... prima molto immaturi. Ora invece comprendono, capiscono meglio quello che vogliono dalla vita e come ottenerlo.



Nelle sue storia c'è sempre questa concezione. Prima si hanno personaggi immaturi. Poi con gli anni ed eventi che li cambiano drasticamente evolvono. Devono imparare a dare fiducia. Devono imparare a fidarsi. Devono imparare a contare gli uni sugli altri. E questa crescita emotiva e personale ci fa riflettere pure a noi perché è molto facile farsi le stesse domande che i personaggi si fanno durante tutta la lettura.

E poi... vogliamo parlare delle scene di sesso. Sono tre ma woooow... non sono mai volgari ma sono al 100% da togliere il fiato! Hanno una carica sessuale che ti travolge! Ma non solo quelle scene.. tutta la loro "storia" sessuale è un continuo "sali e scendi" di emozioni forti. Tipo montagne russe della voglia e dell'insicurezza!

Amo questa storia perché mi ha dato emozioni vere. Mi sono immedesimata in lei. Ho sentito tutte le sue emozioni. E questo poche scrittrici sanno farlo.

Faccio i miei complimenti per questa storia e do 5 farfalline meritatissime!


Alla prossima Girls! ;)








1 commento:

  1. Anch'io voglio leggerlo assolutamente. Rimedierò presto, spero!

    RispondiElimina