mercoledì 19 maggio 2021

Come il mare di notte di Martina Boselli

TITOLO: Come il mare di notte

AUTORE: Martina Boselli
EDITORE: Words Edizioni
GENERE: Self-help
FORMATO: Ebook (2,99) - Cartaceo (15,90)
RELEASE DATE: 29.04.2021
DISPONIBILE SU AMAZON
E IN TUTTE LE LIBRERIE


Cosa ero disposta a dare io nelle relazioni? Lo sapevo.
Ma cosa volevo che gli altri dessero a me? Questa era una risposta che non avevo ancora trovato.
E non ci ero riuscita perché, in realtà, quella domanda non me l’ero mai posta.


TRAMA

Le conseguenze dell'amore sono imprevedibili. A volte i sentimenti ci sfiorano soltanto, altre ci travolgono come onde del mare. Ci sono giorni in cui quel mare è calmo, altre in cui la tempesta ci travolge. E poi ci sono le notti, in cui il mare è profondo, scuro, ed è dentro di noi. E ci tocca decidere se annegare o risalire a galla.

Come il mare di notte è un viaggio tra i resti di speranze infrante e macerie di amori crollati sotto il peso della verità. Un percorso di rinascita, quello attraverso cui ci conduce Martina Boselli, che parte innanzitutto dalla consapevolezza di se stessi.


BIOGRAFIA AUTRICE:


Classe 1990, Martina Boselli è nata a Napoli. Laureata presso l'Università Federico II in Filologia Moderna, attualmente insegna in una scuola di periferia. Scrive praticamente da sempre e su qualunque cosa e in qualsiasi posto si trovi. Ama il cibo cinese, i tramonti autunnali, il rumore delle onde del mare, andare al cinema, perdersi tra i vicoletti della sua città, cantare a squarciagola mentre è in auto, leggere fiabe la sera insieme a sua figlia, guardare serie televisive una dopo l’altra e chi pratica gentilezza e sorrisi a caso, perché non se ne vedono mai abbastanza. Non va d’accordo con la matematica, con chi non mantiene le promesse, con chi non ha a cuore il cuore degli altri e con i parcheggi. Un giorno spera di poter vivere a Parigi e se ciò proprio non dovesse accadere, mangiare senza ingrassare sarebbe un’ottima alternativa.


ESTRATTO

Perché si ha così tanta paura di affrontare la verità?
Perché nascondersi dietro una bugia, quella che ti racconti giorno dopo giorno pur di non vedere come stanno davvero le cose, ha comunque il vantaggio di farti sentire al sicuro. Più al riparo. Perché prendere decisioni o semplicemente dire la verità, che sia a sé stessi o agli altri, ti fa vacillare.
E succede perché l’ignoto spaventa: non sai cosa c’è ad aspettarti dall’altra parte del mare quando decidi di attraversare la tempesta.
Perché, magari, se è vero che tutto ti sta stretto, ti convinci che non si sta poi così male. C’è chi sta messo peggio di te.



Nessun commento:

Posta un commento