martedì 8 settembre 2020

Review Tour: #Controllo per favore di Christine Zolendz


 
#Controllo per favore

di Christine Zolendz
Romance Contemporaneo Erotico
Autocinclusivo
300 Pagine
Believe Edizioni

Trama

Lascia le tue inibizione fuori dalla porta e fai diventare le tue fantasie realtà.

Tre settimane.
Niente regole.
Tutte le fantasie.
Tutto è permesso.

Lexa Novak non vorrebbe niente di meglio che lasciarsi andare e finalmente sperimentare tutto, quindi quando si presenta l'opportunità di farlo, non può rifiutare - e non intende farlo.

Ma cosa succede quando le tue fantasie diventano le tue realtà?

Scoprilo entrando nella Suite 269.






Lexa Novak è una giovane donna che lavora per la rivista InTrend come verificatrice di fatti, ovvero controllare l’accuratezza di ciò che deve essere pubblicato, accertandosi che nomi e luoghi vengano scritti correttamente, così come la veridicità degli avvenimenti. Questo lavoro non era quello che si aspettava quando fece il colloquio, voleva essere qualcosa di più, una collaboratrice, un’articolista, ma per una serie di sfortunate circostanze, venne catalogata come la classica belloccia senza cervello.

Nonostante questo svolge il suo lavoro con passione, ha una discreta vita sociale, un’amica, Mandy, matta come un cavallo, e un fidanzato, Kevin Trager, che lavora come fattorino nella sua stessa azienda. Sarà proprio a causa di uno “scivolone” di Kevin, che la vita di Lexa cambierà in maniera drastica dall’oggi al domani.

Quando tutte le sue certezze crollano inesorabilmente come un castello di carta, la ragazza si vede costretta a dare una svolta alla sua vita. Basta piangersi addosso, basta sentirsi umiliata e guardata dagli altri con pena o addirittura derisa. Decide così di prendersi il suo meritato divertimento, e cosa c’è di meglio che mettere in atto tutte le sue fantasie più nascoste e che mai avrebbe pensato di realizzare? Quelle dieci fantasie scritte su un foglio di carta insieme alla sua amica Mandy, tra fiumi di alcol? 

Care Gils, non leggevo un libro così divertente da un sacco di tempo, ho riso dall’inizio alla fine. Lexa a prima vista è la tipica ragazza acqua e sapone, la ragazza della porta accanto, mentre in realtà è una mina vagante, specie quando il filtro cervello/bocca va a farsi benedire, soprattutto dopo una bella sbronza. I suoi pensieri e quello che le esce di bocca, mi hanno fatto rotolare dalle risate. 


“ Ha detto che è successo una sola volta. Un incidente. Un incidente di un ca**o in cu*o!!! Non vorrei essere volgare, ma chiamiamolo per quello che era, e per quello che avevo visto. La loro immagine era ancora cristallina ai miei occhi. Avevo voglia di strofinarmeli con la candeggina per togliermi quella scena impressa.” 


Oppure quando chiede spiegazioni sulla scomparsa della sua biancheria intima… 



"Mi sembra di aver perso un paio di mutandine la notte che mi hai accompagnato a casa". 
"Seta bianca con il pizzo? Un fiocchetto rosa sul davanti?". 
"Sì". 
"Non le ho viste".


A mio avviso non è solo un contemporary romance erotico, ma abbraccia anche il genere chick lit, proprio per il forte umorismo dei protagonisti. 

La storia è scritta in modo scorrevole e diventa sempre più intrigante man mano che si va avanti con la lettura, questo perché una serie di eventi inaspettati, renderà la vita affettiva e soprattutto lavorativa di Lexa, un vero e proprio inferno... Una bella matassa da sbrogliare per la ragazza, alle prese tra menzogne, tradimenti e notte infuocate con chi sta concretizzando i suoi desideri più reconditi. Riuscirà, nonostante tutto a realizzare il decimo desiderio scritto nella sua famosa lista? 

Non vi resta che scoprirlo…

Non ho voluto “sbottonarmi” troppo nel raccontarvi altri dettagli su questa storia, questo perché il divertimento sta proprio nello scoprirne le dinamiche. Vi posso solo assicurare che è una lettura piacevolissima e che ha tutti gli ingredienti giusti per chi ama le storie divertenti, con delle piccanti scene di sesso e con dei colpi di scena spettacolari.

Alla prossima Girls!






Nessun commento:

Posta un commento