giovedì 25 giugno 2020

Un libertino dal cuore di ghiaccio di Lisa Kleypas

Titolo:  Un libertino dal cuore di ghiaccio

Autore: Lisa Klerypas
Editore: Mondadori
Data di uscita: 28 giugno 2016
Genere: Historical Romance
Pagine: 255

Trama

Inghilterra, 1875. Devon Ravenel, incallito donnaiolo, è lo scapolo più affascinante di Londra e ha appena ereditato una contea. 
Il suo nuovo ruolo sociale gli impone però responsabilità inattese e qualche sorpresa: la sua nuova proprietà, infatti, è gravata dai debiti e per di più nella dimora ereditata vivono le tre sorelle del defunto conte e una giovane, bellissima vedova, Lady Kathleen Trenear. 
Presto tra i due scoppia la passione, ma la donna conosce bene i tipi come Devon. E non ha alcuna intenzione di consegnargli il proprio cuore.







Serie The Revenels: 

#1 - Un libertino dal cuore di ghiaccio 
#2 - Una moglie per Winterborne
#3 - Il diavolo in primavera
#4 - Come due sconosciuti
#5 - La figlia del diavolo
#6 - Chasing Cassandra (INEDITO) 









Primo libro della serie "The Revenels", un Libertino dal cuore di ghiaccio, è incentrato il romanzo su Lady Kathleen Trener e Devon Ravenel, erede del titolo di Conte dopo la morte del nome lo sposo di Kathleen.

Lady Kathleen ha perso da poco suo marito e, come se non bastasse il doversi occupare delle tre cognate nubili, arriva alla tenuta il nuovo conte, Devon Revenel.
Come può un uomo essere così senza cuore da voler vendere tutto e lasciare sul lastrico chi ci lavora da anni, ma soprattutto lasciare in balia di se stessa la povera vedova senza un tetto sopra la testa? Devon sa che prendendo in mano le redini della tenuta si troverà ad avere solo il portafoglio vuoto. Quando, però, si ritroverà davanti Kathleen resterà talmente ammaliato da rivalutare la vendita delle proprietà e dal dare uno slancio ai conti del contado completamente in rosso.

Il romanzo mi è piaciuto. È ambientato nel 1875, per cui ci troviamo agli inizi della seconda rivoluzione industriale, dove sono presenti telegrammi, i treni e i primi grandi magazzini. La scelta di ambientare la serie in questo periodo mi ha elettrizzato. Finalmente un romanzo ambientato in età vittoriana che presenta elementi moderni.

Come detto prima i due protagonisti assoluti sono Kathleen, giovane vedova, un po' bacchettona ma che ha a cuore le persone a lei vicine e i fittavoli.È cresciuta con un'amica dei suoi genitori, una donna avanti con gli anni e le ha insegnato tutto ciò che sa.

Come accennato prima, i due protagonisti indiscussi di questo libro sono Kathleen e Devon. Kathleen non ha avuto un'infanzia facile, è stata cresciuta da un' amica di famiglia che le ha insegnato tutto quello che sa. È diventata vedova troppo presto ma nonostante il lutto e l’essere un pò bacchettona e rigida possiede un grande cuore. Lo dimostra in svariate occasione con le persone che le sono care e gli affittuari dei suoi terreni.

Devon è un libertino che ha ereditato la tenuta del cugino - pur non volendolo. Dopo un inizio di negazione assoluta decide di aiutare e risollevare quella che ora è la sua proprietà con l'aiuto del fratello e di Kathleen stessa. In apparenza cinico e freddo, refrattario ad ogni tipo di responsabilità si affezionerà alle sue tre cugine che cercherà di rendere più felici possibili.

Oltre ad essere il primo libro di una serie, questo romanzo ci permette di conoscere a grandi linee i caratteri degli altri quattro Revenel: Helen, seriosa e ordinata, Pandora e Cassandra, le gemelle combinaguai, e West, fratello di Devon grande ubriacone, inizialmente, ma soprattutto grande conoscitore delle terre di cui si occupa il fratello.

Il romanzo è scritto in terza persona ed è caratterizzato dall'alternarsi dei punti di vista dei vari personaggi presenti nel libro. Lo stile è semplice e il libro è molto scorrevole.

Purtroppo il romanzo presenta qualche pecca in quanto i cambiamenti che riguardano il carattere e il modo di pensare di personaggi, a volte, è fin troppo repentino. Le scene movimentate o di pathos scarseggiano, l unica degna di nota è quella del deragliamento del treno.









Nessun commento:

Posta un commento