sabato 20 luglio 2019

Push you away di Veronica Cellamaro


Push you away

di Veronica Cellamaro
Narrativa Romance
Elianto Editore
110 pagine 
15€


Sinossi

«Da oggi è ufficialmente un uomo libero». Maximilian Hilton esce dal carcere senza fare ammenda delle sue colpe e con in testa un unico pensiero: riprendere ciò che aveva lasciato. Alle spalle, una vita difficile: una madre tossicodipendente costretta al recupero senza alcun successo; un padre morto e la cui unica eredità sono i vizi che Maximilian ha accettato come un marchio. 
Le cure della nonna, nella cui casa Maximilian è costretto assieme al fratellino minore, non bastano a lenire certe ferite. Un giorno il destino lo fa imbattere in Layla, ragazza fragile e diversamente problematica, la quale pare ispirarlo a una rinascita. 
Ma il peso del passato grava ancora sul ragazzo impedendo qualsiasi tentativo di elevazione…






Dopo tre mesi passati in carcere per aver picchiato un ragazzo che se la prendeva con il suo fratellino Danny, Max finalmente può tornare a casa da sua nonna, l'unica che si è presa cura di lui e dei suoi fratelli quando gli assistenti sociali vennero a conoscenza del modo disumano in cui vivevano. Costretti ad abbandonare gli studi e a spacciare droga per ordine del padre, uomo violento e senza scrupoli, i ragazzi vivevano nel degrado più assoluto con una madre cocainomane, troppo presa a sballarsi di qualsiasi tipo di stupefacente che a prendersi cura di loro. 
Nel momento in cui la nonna li accoglie in casa propria, i ragazzi sembrano rinascere a nuova vita, Danny di pochi anni, fortunatamente è quello che ha riportato meno traumi, troppo piccolo per ricordarsene, mentre Max e Clarke, suo fratello maggiore, sono quelli che portano addosso e nell'anima i segni di un passato che difficilmente dimenticheranno. 
Ma mentre Clarke, riesce in qualche modo a crearsi una nuova vita cambiando città e lavorando onestamente, Max sembra ancora fare i conti con il suo vissuto, una rabbia che non riesce a gestire lo porta a combattere sul ring, incontri clandestini che gli fruttano bei soldi, anche se il motivo principale non è quello… solo sfogandosi in questo modo, facendo a botte, lui riesce, temporaneamente, ad espellere dal proprio corpo, tutta quella rabbia che lo consuma.




Nonostante l’aver trascorso tre mesi in carcere, Max dovrà scontare il resto della pena facendo volontariato in un centro per bisognosi, per tre o sei mesi, questo dipenderà dalla sua condotta, ed è proprio in uno di questi centri che il ragazzo incontrerà Layla. I due lavoreranno insieme in un ospedale pediatrico, portando sorrisi e gioia ai bambini malati. Dopo un’iniziale diffidenza, i ragazzi trovano un certo feeling che, piano piano, li porterà ad instaurare una relazione vera e propria. Anche Layla ha un passato non facile alle sue spalle, passato che l’ha resa una ragazza fragile e problematica, ma insieme a Max, giorno dopo giorno, riscopre una nuova Layla, più serena e aperta al mondo.

Ma sarà sempre così? Cosa succederà nel momento in cui scoprirà le menzogne di Max riguardo ai suoi combattimenti clandestini? Come gestirà la violenza che riaffiora prepotentemente quando lui non riesce a sfogarla sul ring?



Care Girls, che dire, storia fluida, scritta bene, ottima caratterizzazione dei personaggi, ma manca a mio avviso, un po’ di incisività, l’autrice avrebbe potuto osare di più, i presupposti ci stavano eccome!!!. Se solo avesse riportato eventi del passato in maniera più dettagliata, idem per le scene di sesso, praticamente inesistenti, la storia sarebbe stata, a mio avviso, molto più accattivante. Questo, ovviamente, è un mio gusto personale, forse perché abituata a leggere libri con molto più eros. Visto che ce ne sta pochissimo, posso affermare che è un romanzo che può essere letto, senza censura, da quella fetta di lettrici che amano le storie soft, adolescenti inclusi.

Veronica Cellamaro, hai scritto dei bei pensieri, molto profondi e a tratti delicati, in un contesto non facile, fatto di soprusi, degrado e sofferenza, credo proprio che tu possa fare veramente tanto, le basi ci sono, ma osa ragazza mia, osa!!! Ti tengo d’occhio Veronica e nel mentre aspetto fiduciosa un tuo prossimo libro.

Alla prossima Girls!!

Nessun commento:

Posta un commento