martedì 8 maggio 2018

Confusa e innamorata di Colleen Oakley

Confusa a Innamorata

Colleen Oakley
Newton & Compton Editori
382 pagine
Romance

Trama:

Può davvero mancarti qualcosa che non hai mai avuto?
Jubilee Jenkins non è una bibliotecaria qualsiasi. Ha una rarissima allergia al contatto umano: sfiorare la pelle di qualcun altro potrebbe letteralmente ucciderla. Ma dopo essersi ritirata in completa solitudine per quasi dieci anni, Jubilee decide di affrontare di nuovo il mondo, nonostante i rischi. Armata di guanti, maniche lunghe e della sua fedele bicicletta, finalmente si avventura oltre la porta, verso il proprio futuro. Anche Eric Keegan ha parecchi grattacapi. Ha una figlia che ha smesso di parlargli dopo che il suo matrimonio è naufragato e un figlio adottivo brillante ma problematico, che si esercita nel tentativo di riuscire a usare la telecinesi. Eric si sta sforzando di rimettere in sesto la propria vita e diventare il padre – e l’uomo – che vorrebbe disperatamente essere. Quando incontra casualmente al bancone della biblioteca Jubilee, molto bella ma eccentrica, non desidera altro che poterle stare accanto. Ben presto Jubilee ed Eric si troveranno a vivere qualcosa che sognano, ma che è totalmente fuori dalla loro portata. O forse no?






“Confusa e innamorata” è uno di quei classici libri difficilissimi da recensire perché si rischia di dire troppo o troppo poco, soprattutto quando una storia è così ben tratteggiata.

La vicenda di Jubilee è davvero singolare, come è possibile che una donna allergica, nel vero senso della parola, al contatto umano possa avere una vita felice? Infatti per questo motivo la protagonista, dopo uno sfortunato incidente adolescenziale decide di isolarsi dal mondo e per ben nove anni non esce più di casa.

Costretta dalla necessità Jubilee deve cambiare la vita che ha condotto finora e dopo la sua lunga e auto imposta prigionia si avventura all'esterno e trova lavoro come bibliotecaria. Questo è il punto di svolta, perché sarà proprio qui che la ragazza farà la conoscenza di due persone che le cambieranno la vita per sempre, il piccolo Aja e soprattutto il suo papà adottivo, Eric.

Eric è un bell'uomo,affascinante ma con una vita davvero incasinata, ha divorziato dalla moglie, la figlia adolescente non gli rivolge più la parola e inoltre deve fronteggiare tutti i problemi e le difficoltà riguardanti il prendersi cura del figlio del suo migliore amico, tragicamente scomparso con la moglie in un incidente aereo.

Due persone dalle vite così ingarbugliate si ritrovano a dover lottare e superare prove difficilissimi ma durante questo percorso pieno di ostacoli sboccerà un tenero sentimento che li porterà a fare affidamento l’uno sull’altra, proprio la tenerezza dei sentimenti e l’abile, e quasi commovente, descrizione del primo vero innamoramento,saranno i punti di successo di questo romanzo. Non mancano infatti scene di squisito romanticismo e altre più commoventi, raccontate con semplicità e scorrevolezza

Le tematiche trattate coprono uno spettro amplissimo, infatti si parlerà con competenza dell’allergia rarissima di Jubilee e di conseguenza della paura, l’isolamento e l’angoscia, il difficile rapporto genitori-figli, l’elaborazione del lutto per la perdita dei genitori da parte di Aja, un bambino dalla mente quasi autistica e maniacale tanto brillante.

Quello che più piace del libro è il fatto che i due protagonisti sono profondamente umani, Jubilee con il pesante bagaglio di una vita di solitudine, il senso di abbandono da parte della madre e l’ansia che attanaglia ogni gesto che può esserle fatale, Eric invece è un padre che sente di aver fallito e ammette i suoi errori, cerca di capire la figlia con una dolcezza immensa, leggendo i libri che lei ama per immedesimarsi in lei e sentirla più vicina.

Io consiglio questa lettura a tutte le persone che hanno voglia di affrontare una storia in cui non manca, prima del raggiungimento del meritato lieto fine, un percorso di accettazione del diverso e la continua voglia di rimettersi in gioco in ogni ambito, sia nella vita che nei sentimenti.









Nessun commento:

Posta un commento