lunedì 23 aprile 2018

LE PRIME LUCI DEL MATTINO di Fabio Volo


-->
-->
TITOLO: Le prime luci del mattino

AUTORE:
Fabio Volo

CASA EDITRICE: Mondadori
GENERE: Narrativa contemporanea
DATA PUBBLICAZIONE: 14.10.2011
NR. PAGINE: 244

TRAMA:

Elena non è soddisfatta della sua vita. Il suo matrimonio si trascina stancamente, senza passione né curiosità. 
Suo marito è diventato ormai come un fratello. 

Ha sempre deciso in anticipo come doveva essere la sua vita: la scuola da fare, l’università, l’uomo da sposare. 

È diventata moglie prima di diventare donna. 
Finché un giorno sente che qualcosa inizia a scricchiolare. 

La passione e il desiderio si affacciano nella sua quotidianità, costringendola a mettersi in discussione. Elena si rende conto che un altro modo di vivere è possibile. Forse lei si merita di più, forse anche lei si merita la felicità.





E’ la prima volta che leggo un libro di Fabio Volo, a dire il vero mi ha sempre incuriosito e ho “lanciato questa sfida” di lettura per me insolita e mi sono buttata in questo suo romanzo del 2011.

Beh devo dire che per essere nato come conduttore radiofonico e televisivo, essere un attore, e anche uno scrittore tutto sommato non scrive affatto male, anche se in questo suo lavoro ha azzardato una storia piuttosto delicata vissuta in prima persona da una donna.

Leggere il punto di vista di una donna raccontato da un uomo mi ha fatto un po’ sorridere, nel senso che, nonostante la storia sembri del tutto reale, di fatti che effettivamente possono accadere ad una coppia, è pur sempre narrato dal punto di vista maschile, facendo a mio avviso emergere degli aspetti che una donna non avrebbe mai esposto.

L’intreccio tra l’aver riportato degli spezzoni del diario di Elena e i suoi racconti in prima persona a distanza temporale mi sono piaciuti molto. Hanno reso perfettamente l’idea di ciò che la protagonista ha vissuto e il suo rendersi conto successivo delle scelte che ha fatto.

Questo matrimonio tra Elena e Paolo che proprio non ne voleva sapere di continuare, la relazione extra coniugale con un uomo che sembra perfetto ma solo all’interno delle quattro mura del suo appartamento. Un uomo che io definirei “l’innominato” perché ogni suo riferimento veniva introdotto con “LUI”, mai un nome, mai qualcosa di definito, sapremo molto poco di questo “lui” a parte il fatto di come sapeva bene fare l’amore, ma sempre e solo all’interno dei suoi spazi.

Poi la svolta, il cambio improvviso, il salto temporale e un incontro finale nuovo ma senza nessun racconto ci porterà ad un finale troppo frettoloso e inaspettato; io sinceramente avrei voluto saperne di più.

Tutto sommato è un buon lavoro, mi ha anche fatto riflettere su come la vita può cambiare, su come il tempo può portare a modificare un rapporto che inizialmente si credeva infallibile, una storia che può essere facilmente paragonata alla vita vera lo porta ad avere comunque un buon risultato e meritarsi un medio punteggio.




-->
Alla prossima Bookish.













NOTE SULL’ AUTORE: 


Fabio Volo, nome d’arte di Fabio Bonetti (Calcinate, 23 Giugno 1972), è un attore, scrittore, conduttore radiofonico, conduttore televisivo e sceneggiatore italiano. Presente nei vari campi dei media italiani, ha raggiunto la notorietà in radio e in televisione per poi diventare conosciuto anche nel mondo del cinema e nel campo letterario: nel 2011 i suoi romanzi sono arrivati a vendere oltre 5 milioni di copie nella sola Italia e sono stati tradotti anche in altre lingue.








Nessun commento:

Posta un commento