martedì 13 marzo 2018

Il tuo anno perfetto inizia qui di Charlotte Lucas

Titolo: Il tuo anno perfetto inizia da qui

Autore: Charlotte Lucas
Editore: Garzanti
Pubblicazione: 2017
Genere: Romanzo

Trama

Tutti, almeno una volta, abbiamo iniziato l'anno impugnando una lista di buoni propositi. Ma per Jonathan non è così. Intrappolato in una vita monotona, ha perso la fiducia in un futuro diverso. Fino a quando, il primo gennaio, trova un'agenda piena di appuntamenti già fissati per tutto l'anno. Per uno come lui sono impegni troppo stravaganti, lontani dalla sua solita vita: camminare a piedi nudi sull'erba, dormire sotto le stelle, svegliarsi all'alba per assistere al sorgere del sole. Eppure, senza sapere di chi sia l'agenda, decide di andare al primo appuntamento. E qui, inaspettatamente, riceve una piccola grande lezione: bisogna imparare a dare oltre che ricevere, e mostrarsi sempre grati di quello che si ha. Parole semplici che hanno il potere di smuovere qualcosa nell'ostinato Jonathan. Di incoraggiarlo ad aprire di nuovo il suo cuore e tornare a sperare. Forse era destino che quell'agenda trovasse proprio lui. Forse è arrivato il momento di accettare la sfida del cambiamento e di riscoprire la bellezza delle piccole cose: dal piacere per la lettura allo stupore di un cielo stellato. A poco a poco, appuntamento dopo appuntamento, sorpresa dopo sorpresa, Jonathan torna a gustare sensazioni ed emozioni che credeva non potessero tornare. Ma quell'agenda speciale ha in serbo altri segreti da fargli scoprire. Perché chi l'ha riempita di impegni l'ha fatto per un atto d'amore. Un ultimo regalo alla persona più importante della sua esistenza. Un regalo per ricordare che la vita è il tesoro più prezioso ed è troppo breve per lasciare che, senza che ce ne accorgiamo, ci scivoli tra le dita. Una storia delicata che ci insegna a non rimandare mai, perché oggi è il giorno perfetto per amare e credere che dietro l'angolo ci sia sempre qualcosa per cui stupirsi ancora.




Devo ammettere che l’esordio del libro mi ha ricordato un mio ex capo che ho adorato e che mi ha adorata e fatta crescere molto sia personalmente che professionalmente, subito dopo mi sono ritrovata catapultata nel mio sogno di aprire una struttura ludico-ricreativa per bambini e… Devo ammettere che c’erano davvero tutte le buone premesse per innamorarmi di un libro che, da un lato, mi riconduceva alla parte più bella del mio passato e dall’altra mi proiettava in quella che vorrei fosse la parte più divertente del mio futuro (anche se, sul futuro, lo ammetto, nutro più di qualche dubbio!).

In franchezza, mi trovo un po’ in difficoltà a recensire questo romanzo che i più definiscono come un libro di straordinaria bellezza, ma si sa che: non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace! E io non sono stata in grado di gradirlo troppo, trovandolo denso di banalità che non sono in grado di far sollevare il libro ad un livello superiore rispetto ad un semplicissimo romanzo adolescenziale.

Inizialmente non sono stata attratta dalla componente sintattica, a seguire la parte descrittiva non mi ha entusiasmato in quanto, a più riprese, rischia di sovrastare il testo e appesantire il corretto fluire della narrazione, non dando il giusto “incentivo” al lettore nel proseguire. I primi capitoli contestualizzano la storia, ma prima di intravedere qualche “movimento” della narrazione è necessario aspettare un bel po’, forse troppo per i miei gusti che dettano un decollo del libro in tempi se non brevi almeno concisi.

Un’altra nota poco impegnata è sicuramente la parte lessicale: se in linea di massima il romanzo ha un lessico complessivamente fluido, c’è da dire che la terminologia utilizzata è riconducibile ad un libro per ragazzi.

La trama è abbastanza carina, ma niente di esilarante; avvincente sì, ma nulla di particolarmente accattivante da tenere il lettore incollato al libro.
Nel complesso potrei dire che è un libro di cui si può tranquillamente fare a meno.
Un vero peccato, prima di tutto perché il titolo è sicuramente d’effetto e in secondo luogo perché la sinossi sembrava avere il suo perché.

Consigliato a…

Mah! Diciamo che si tratta di una lettura adolescenziale che consiglierei a qualche ragazza incline alla carta scritta.





1 commento:

  1. Ciao, questo mi ispirava, ma poi avevo letto un paio di recensioni negative e ho desistito... leggere le tue parole mi ha fatto capire definitivamente che questo libro non fa proprio per me!

    RispondiElimina