venerdì 23 marzo 2018

Il terremoto inventato di Nino Inzerillo

Il Terremoto Inventato

Nino Inzerillo
Bookabook editore Milano
Data di pubblicazione 29 giugno 2017
Narrativa italiana contemporanea

Brossura, copertina flessibile
357 pagine
Disponibile nelle librerie ed online, sia nella forma di paperback sia nel formato digitale eBook

Prezzo:16 euro, 7,99 eBook, Amazon ed altri hanno applicato diversi prezzi a partire da 13,60 euro



Trama

Un distinto professore scende da un taxi e, candidamente, chiede di essere istituzionalizzato in una struttura pubblica per la salute mentale. La vita in ospedale e i suoi ritmi iniziano però ben presto a stargli stretti e, sopraffatto dalla noia, decide di sfruttare la confusione generata da una scossa tellurica per evadere. Inizia così il suo percorso per le strade cittadine che non frequentava da anni, incontrando e interagendo con personaggi reali e fantasmi del suo passato. Rievocherà i viaggi in treno e in aereo, ripercorrerà quelle vie che aveva perseguito alla ricerca dell'amore o di qualcosa che ne avesse le parvenze. In un drammatico confronto finale riuscirà a sconfiggere quelle forze malefiche che lo avevano ammantato e cercato di ridurre a vittima sacrificale. Ma riuscirà anche a rimettere insieme i pezzi della sua personalità e accettare di vivere?



Estratti dal romanzo Il Terremoto Inventato



“Era nella mia natura descriverle così come le percepivo, alla stessa stregua di com’era nella natura di chi espresse quella critica, formulare capi d’accusa che destabilizzassero il mio passato per riempirlo coi propri fantocci, idealmente fatti col sangue e la carne e in realtà tirati su con una misera cartapesta.
Il punto era che attribuivo a ben poche persone una valenza tale che andasse di là dall’aspetto corporale, che non si fermasse all’aspetto materiale, bensì a uno scambio da anima ad anima che fosse immortale.
In quella ristretta cerchia, un nucleo intorno al quale si erano sviluppati gli aspetti sinceramente più belli della mia vita, che definivo poetici perché a mio insindacabile giudizio erano davvero tali, in quello spazio erano comprese le persone cui davo piena fiducia. E per un nevrotico della mia risma affidarsi agli altri era duro”


“Le vicende della mia vita mi avevano duramente insegnato ad andare cauto, perché la mia innata voglia di aprire il cuore si scontrava col diffuso sadismo che nasce dal puro e pretto egoismo, non che io fossi un esempio di sfolgorante altruismo, piuttosto mi scontravo puntualmente con il dolore e il rimando depressivo, causato dalla superficialità e dalla facilità con cui ci si dimentica.
Erano in me quelle persone che avevo sempre amato e continuavo a vedere, bastava solo che chiudessi gli occhi per riviverle e loro avevano una luce speciale: la capacità di stupirmi con la loro fedeltà. Nel mio profondo avevo bisogno di credere che non tutti obbedissero al criterio della costruzione di un castello fatto con le menzogne e dopo quella notte, trascorsa a tentare di vedere attraverso maschere, sentivo imperante la voglia di ricostruire, facendo ricorso al patrimonio limpido di coloro che mi accettavano con i miei pregi e i miei difetti “




“Raffinata, dalla trama preziosa, eppure sobriamente elegante, con quel carisma che permette alle più belle di essere attraenti, prescindendo da ciò che indossano.
Lei trascendeva il suo proprio abbigliamento, relegandolo al nativo ruolo accessorio e il suo seno, così come la voce piena di accenti colorati, la staccavano dal coro degli angeli per restituirla al mondo delle donne, per farne una giovane donna del tempo presente con le virtù del passato.”




Note Biografiche

Nato a Palermo nell'ottobre del 1956, laureato in Scienze Politiche, ha lavorato come ricercatore, docente, esperto di orientamento e di politiche attive del lavoro. Dopo una lunga teoria di articoli e saggi sul fumo lento, ha pubblicato il romanzo Il Terremoto Inventato con bookabook Milano-
Da indipendente (Kindle Direct Publishing di Amazon)
Mi sono innamorato di Naomi Watts
Gli occhiali di Peter Pan
La moleskine ritrovata


Nessun commento:

Posta un commento