lunedì 5 giugno 2017

L'albergo sulla baia di Mulberry di Melissa Hill

Buongi giorno Bookish!
Oggi ho il piacere di recensirvi questo favoloso libro.
Se siete come me a periodi alterni di genere di letture, e siete capitate nella fase alla ricerca di libri dolci e strappa lacrime questa lettura fa proprio per voi!


L'albergo sulla baia di Mulberry

Melissa Hill

Auto-conclusivo
Rizzoli
383 pagine

Trama:

Elle Harte è una giovane architetta di successo, vive a Londra, e ormai da tempo ha lasciato l'Irlanda e il paese dove è nata, Mulberry Bay. Sua sorella minore Penny, invece, non ha mai abbandonato quel piccolo, idilliaco villaggio a picco sul mare, dove tutti si conoscono e il cui cuore pulsante è da decenni il Bay Hotel, lo storico albergo gestito proprio dalla loro famiglia, le cui sale hanno ospitato un'infinità di feste ed eventi. Quando però Anna, la loro gentile e infaticabile madre, muore, tutto è destinato a cambiare. Elle torna a casa e ad aspettarla trova i luoghi e gli affetti di una vita, un amore interrotto, ma anche spiazzanti sorprese e impreviste rivelazioni. L'antico hotel è in decadenza e non se la passa affatto bene e, senza Anna a occuparsi di tutto, loro padre Ned sembra perso nei ricordi scanditi dalle canzoni dei suoi amati Beatles. Elle dovrà allora affrontare spettri e delusioni del passato per ricomporre i pezzi del presente e tentare di salvare le sorti del Bay Hotel. Ma da dove incominciare? Come restituire la magia di un tempo a quell'albergo in rovina? Quali compromessi Elle sarà disposta a fare per il bene della sua famiglia e di tutta Mulberry Bay? Sullo sfondo del burrascoso mare di Irlanda e con le suggestioni dei Beatles, Melissa Hill ci regala un'imprevedibile storia d'amore, amicizia e speranza.




Recensione 

La lettura di oggi è stata una bella scoperta, la lotta di due sorelle per mantenere vivo il sogno della madre e risvegliare il padre dal dolore della perdita del suo grande amore.
Elle e sua sorella minore Penny sono nate e cresciute a Mulberry Bay, un paesino di poche anime e pochi svaghi, che per Penny è sinonimo di vita per Elle  di soffocamento.

I genitori delle due ragazze sono i gestori dell'albergo della città il Bay Hotel,  la madre ne è il fulcro. l'elemento che si adopera per rendere speciali ad ospiti, villeggianti e compaesani i soggiorni e le feste di paese.
Penny ed Elle adorano quell'albergo, ricco di emozioni, avventure e luoghi dove trascorrono tutta la loro giornata.

Ma Elle nella vita vuole viaggiare, vuole conoscere, vuole far esperienze nuove e non vede l'ora di andare all'università per mettere un po di distanze tra lei e Mulberry.
Così giunta l'età di andare all'università la ragazza lascia i luoghi natali, promette al fidanzato di tornare per poi rimanere via definitivamente e  far visita alla famiglia poche volte all'anno.

Fino a quando una chiamata le cambia la vita, la sorella Penny l'avvisa della morte prematura della madre e Elle ritorna a casa per star vicino alla famiglia, e aiutare come può nell'albergo.
Rivedendo così le carte contabili della struttura si rende conto che l'hotel naviga in cattive acque, sommerso dai debiti, il personale licenziato, l'hotel che non vede manutenzione da un po è in decadenza totale.

Elle vuole convincere i familiari a vendere tutto, il padre e la sorella invece non concordano con lei, e coinvolgendola nelle loro idee provano di tutto per cercare di ottenere un prestito dalla banca e un aiuto dai vicini per ridare vigore al Bay Hotel in ricordo dei vecchi tempi e soprattutto in memoria della madre Anna.

In questo scenario troveremo anche Rob, l'ex amore adolescenziale di Elle, diventato ormai amico di Penny e come un figlio per i genitori di Elle.

E' un libro che ti strappa molte lacrime, i diari ritrovati della madre sono emozionanti e tutte le cose non dette alle figlie e marito danno sfogo su quelle pagine.
Il rapporto del padre con le figlie, avrà una sua evoluzione, soprattutto il rapporto tra Ned e Penny sarà coinvolgente, alla ricerca dei vinili dei Beatles, canzoni che rivedono tutto il percorso di vita di Ned e la sua famiglia.

E la classica storia d'amore senza tempo tra Rob ed Elle, fatta di incomprensioni e testardaggine dei protagonisti.
L'unica pecca che ho trovato è stato un attimino il finale sbrigativo tra i due innamorati.






2 commenti:

  1. Ciao, anch'io ho letto da poco questo romanzo: non mi è dispiaciuto, ma l'ho trovato un po' lento, mi sarebbe piaciuto più ritmo nella narrazione. I temi affrontati, invece, li ho trovati molto belli :-)

    RispondiElimina
  2. Si effettivamente la narrazione mancava un attimo di verve e alcune parti erano un po lentine, ma l'ho trovato traboccante di emozioni e questo ha compensato a queste pecche .
    L'affrontare determinate tematiche dal punto di vista "dei rimasti" e vedere come da un lutto si prova a rimettersi in piedi è stato devastante inizialmente e poi una piacevole scoperta.
    La rinascita dei personaggi, dopo un evento tragico che cambia la vita a tutti, il rafforzamento dei legami familiari.
    A me è piaciuto veramente tanto.

    Marty

    RispondiElimina