domenica 28 maggio 2017

TUTTO PUO’ CAMBIARE di Giulia Benedetti




TITOLO: Tutto può cambiare

AUTORE: Giulia Benedetti

USCITA: 2 maggio 2017 cartaceo, 6 maggio 2017 ebook

FORMATO E COSTO: Ebook (0,99€), gratis con Kindle unlimited, Cartaceo (8,50€)

GENERE: Romance

EDITORE: Self




TRAMA:




Il primo amore non si scorda mai... 


Simone Fantini. Trent’anni e un peso insormontabile sulle spalle. 
A soli vent’anni viene lasciato all’altare da Rebecca, l’amore della sua vita, la persona della quale si fidava di più, quella che sarebbe stata al suo fianco per sempre. O almeno lui credeva così. 

Con il cuore infranto, decide di allontanarsi dalla sua Bologna, la città che aveva visto nascere il suo infinito amore per Rebecca, e vola a Malta per ritrovare sé stesso e per ricominciare da capo. 

Dopo dieci anni da quel terribile giorno, però, Simone è costretto a tornare a Bologna, spinto dalla lettera di una delle sue più care amiche, spinto dal senso del dovere nei loro confronti. 

Nonostante la sua indecisione, Simone parte e torna “a casa”, dove ad accoglierlo c’è la sua famiglia, ma soprattutto lei… Rebecca.
E quindi, tra serate alternative in compagnia dei suoi amici e della sua famiglia, Simone proverà a cercare di riempire quel senso di vuoto che ha sempre avuto, dopo che Rebecca l’ha lasciato da solo su quell'altare, nel 2007. 
Ce la farà? Troverà il suo lieto fine? 

Sembra semplice, ma non lo è… in fondo, tutto può cambiare.







RECENSIONE:




“Tutto può cambiare” è un romanzo che parla d’amore ma, a differenza di molti altri libri, in questo potrei affermare che i protagonisti non sono solo una coppia, ma anche altri personaggi, loro amici, che ricoprono un ruolo importante e fondamentale all'interno della storia! 
Leggendo la trama mi ero già immaginata una storia classica in cui una coppia si ritrova dopo anni e alla fine si rimettono assieme e “vissero per sempre felici e contenti” ma l’evolversi della narrazione invece mi ha spiazzato a mano a mano che continuavo la lettura. 
Con questo non voglio preannunciarvi come si concluderà il romanzo, posso solo dirvi che stavolta c’è stato un finale diverso da come me lo immaginavo all’inizio della lettura! 
A mano a mano che proseguivo pagina dopo pagina mi sorgeva qualche dubbio perché, come vi dicevo, i personaggi che avrebbero potuto essere solo di contorno entravano con forza all’interno della storia e ricoprivano un ruolo e un’espressione di sentimenti particolari. 

C’è Simone, il protagonista maschile di spicco, che, come leggiamo già dalla trama, non ha avuto una delle più rosee esperienze. Dopo essere stato abbandonato all’altare, senza mai averne capito il motivo, da Rebecca che credeva essere la donna della sua vita, scappa dalla sua città per andare a vivere a Malta, con il cuore distrutto e incapace di fidarsi nuovamente dell’amore. 
Lo ritroviamo comunque dopo 10 anni fidanzato con una irlandese che sembra avergli ridato il sorriso… questo almeno fino a quando non gli arriva la notizia che il suo migliore amico di un tempo si sposa. 
Ed ecco entrare in scena Rachele, quella che secondo me è la seconda protagonista femminile del romanzo. 
E’ proprio e solo lei l’unico aggancio che ha avuto Simone in tutti questi 10 anni vissuti lontani dalla sua terra; lei non aveva mai smesso di scrivergli lettere supplicandolo di ritornare a casa. Rachele, donna di grande tenacia che scopriremo poi essere da sempre innamorata di Simone senza peraltro non averlo mai nascosto, che seppur non ricevendo mai nessuna sua risposta ha perseverato fino allo sfinimento! Complimenti Rachele! Io stessa non sarei mai riuscita a insistere così tanto con una persona senza aver da questa nessun riscontro come se dopo il suo “non matrimonio” non gli importasse più nulla della sua “vecchia” vita e dei suoi “vecchi” amici! 

Grazie a Rachele, alla sua insistenza e all’imminente matrimonio del loro amico, Simone ritorna a Bologna. 
Ora vorrei esprimere un mio giudizio proprio riguardo a questa scena… si parla di una forte amicizia tra Simone e Alex (lo sposo) che li ha legati da quando erano bambini ma.. come si può definire vera amicizia se successivamente non si sono nemmeno più sentiti per lunghi 10 anni? Mai una telefonata, una visita, niente di niente! Come fanno a sentire questo forte bisogno improvviso di rivedersi? Mmm… questa parte non mi ha convinta! 

Quando Simone poi ritorna in Italia sa già che rivedrà la sua ex Rebecca e si autoconvince di doverla rivedere per chiudere definitivamente con lei… ma come?? Non avevate già chiuso e ognuno aveva continuato per la propria strada? Così anziché triangolo amoroso qui ne esce un putiferio: Lui, lei, l’altra e l’altra ancora: 

Simone, lo sposo abbandonato all’altare e scappato successivamente a nuova vita; 

Rebecca l’ex fidanzata che senza motivo non è mai diventata sua moglie; 

Elizabeth la nuova fidanzata di Simone; 

Rachele l’eterna migliore amica, unico aggancio alla sua “vecchia vita”. 


Assisteremo a incontri tra i due ex che sembrano essere due “animali in calore” incapaci di contenersi (si devono dire addio ma sembra lo vogliano fare per forza facendo l’amore un’ultima volta) … ma che addio sarebbe mai questo??? 

Lei che non vuole rivelare a lui il vero motivo per cui non si è presentata all’altare… e mai lo farà!!! Lo scopriremo solo noi lettori in una sorta di racconto di un suo sogno mentre rivive quei momenti…. 

Rachele che ha il ruolo di amica ma che vorrebbe di più… 

La nuova fidanzata che gli piomba a Bologna di sorpresa mentre lui la stava quasi per tradire…: insomma un bel caos! 

Secondo me la storia di per sé merita, ma avrebbe dovuto essere narrata aggiungendo maggiori notizie!! 

Ad esempio dirci qualcosa in più sui dieci anni completamente bui nella storia, oppure avere una maggiore descrizione dei personaggi e delle loro emozioni, presentare meglio gli amici, che alla fine diventano quasi protagonisti… per esempio Alexander ricoprirà alla fine un ruolo importante, ma lo conosceremo davvero nelle ultime pagine del libro… tutto troppo in fretta insomma!! 

Scrittura lineare ma troppo veloce secondo me! Qualche paginetta in più ci sarebbe stata bene per togliere ogni dubbio al lettore e fornire maggiori dettagli che avrebbero reso la storia Super! 

Con questo non voglio assolutamente bocciare un lavoro comunque ben fatto, ma solo affermare che mi sarebbe piaciuto sapere qualcosa in più! 
E’ comunque un romanzo piacevole e adatto a qualche oretta di compagnia.



Alla prossima Bookish!






BIOGRAFIA AUTRICE:



Giulia Benedetti, nata a Bologna nel 1988, scrittrice per passione.
Ho iniziato a scrivere circa tre anni fa, riuscendo poi a pubblicare il mio primo lavoro a settembre del 2015. Successivamente ho trasformato questa passione in una vera e propria “droga” e non mi sono più fermata! 
Grazie al successo della mia trilogia “Daniele e Veronica” sono riuscita a farmi conoscere un po' di più e ho aperto un blog a ottobre 2016, il Pretty in Pink, insieme a Ilenia Bernardini e Silvia Gaiart, e insieme siamo una squadra potentissima!

Altri romanzi pubblicati: “Al di là del Tevere” e “Ogni giorno viene sera”


Nessun commento:

Posta un commento