giovedì 23 marzo 2017

Guardami ancora di Sam P. Miller

Titolo:  Guardami ancora
Autore: Sam P. Miller
Uscita:  2017
Genere:  Romanzo
Editore:  Self Publishing

Ciao Bookish!
Devo dire che il titolo è intrigante e che la copertina è ben fatta, soprattutto grazie a questo sguardo provocante che fa pensare ad un testo denso di erotismo! A voi trama e recensione…

Trama
Cosa fareste se un terremoto di proporzioni apocalittiche si abbattesse improvvisamente sul vostro mondo rivoltandolo dalle fondamenta? Se tutto ciò che prima era perfetto, sprofondasse inevitabilmente nel caos? Questo è quello che succede ad Anthony, consumato playboy e uomo d’affari di successo, quando il suo universo entra in rotta di collisione con due occhi azzurri che tolgono il respiro. Occhi sfuggenti e bellissimi che mal si adattano al suo prototipo femminile. Eva è una ragazza dall’aria timida e impacciata, che non ha nessun interesse a rimettere in gioco il suo cuore malandato. Lo tiene sotto chiave da un anno sfuggendo a chiunque provi ad avvicinarla. La sua isola felice però, sarà inavvertitamente devastata da uno tsunami che ha l’aspetto di un dio, una voce da hot line e uno sguardo che altera gli ormoni femminili. Tra batticuori, farfalle nello stomaco e incontri bollenti, uno strano sentimento si farà largo sgomitando nelle loro vite. È folle e illogico, ma sarà anche abbastanza forte da sopravvivere?






Recensione

Premessa… Doverosa… Spesso e volentieri si rischia di imbattersi in storie viste e riviste, lette e rilette, trite e ritrite che di originale hanno gran poco e che non sono quindi in grado di appassionare e incantare il lettore che si appresta a leggere qualcosa di cui conosce già la conclusione. Detto questo, non posso esimermi dall’ammettere che questo libro non si discosta di molto da quello che, sicuramente, molte di voi hanno già letto.
Ingredienti di tutto ciò che cosa possono essere??? Un Dio greco che trasuda testosterone da ogni poro della pelle e una ragazza fragile, insicura, piena di titubanze e di insicurezza nei confronti dell’amore perché è già stata scottata in passato. Ovviamente lui è il solito bello e maledetto che però, ad un certo punto si trova di fronte a lei e perde irrimediabilmente la testa.
Dunque, detto ciò il libro non è assolutamente da bocciare, ma devo ammettere che non ha nulla di particolarmente caratterizzante rispetto agli altri libri dello stesso genere… Quindi mi sento di non poterlo nemmeno promuovere. Si tratta di una narrazione che, personalmente, credo cavalchi l’onda dei soliti romance che spesso, purtroppo, non sono in grado di personalizzarsi e di garantire un tratto distintivo alla narrazione… Con questo devo ammettere che è buona la componente descrittiva e la definizione emotiva dei protagonisti, ma comunque non c’è nulla in grado di eccellere e meravigliare.
 
Consigliato a…

A chi ha voglia di leggere un libro leggero, disimpegnato e sulle classiche note della relazione amorosa tra il bello e maledetto e la bella e diffidente.










Nessun commento:

Posta un commento