martedì 14 marzo 2017

Blog Tour: Recensione Film Beastly (Tratto dal libro di Alex Flinn)





Trama:

Kyle è un giovane newyorkese bellissimo, figlio di Rob Kingson, un noto personaggio della televisione per cui la bellezza è tutto; ricco e molto spavaldo, crede di essere "un dono di Dio". A causa del suo comportamento insofferente e irrispettoso verso gli altri è vittima di un incantesimo scagliato dalla "strega della scuola", Kendra, testimone e vittima talvolta del suo comportamento, che lo deturpa con delle cicatrici e dei tatuaggi e lo rende calvo. La ragazza gli concede un anno di tempo per trovare una ragazza che gli confessi il suo amore a dispetto dell'apparenza e spezzare così l'incantesimo, in caso contrario sarà condannato a vivere per il resto della sua vita sotto le mostruose sembianze.





 Anno: 2011
Durata: 95 minuti
Genre: Fantastico, drammatico, sentimentale
Casa di Produzione: CBS Film, Lionsgate, Storefront Films



Vanessa Hudgens: Lindy Taylor, la Bella
Alex Pettyfer: Hunter/Kyle Kingson, la Bestia
Mary-Kate Olsen: Kendra Hilferty, la Strega
Neil Patrick Harris: Will Fratalli
Lisa Gay Hamilton: Zola Davies
Peter Krause: Rob Kingson







Dakota Johnson: Sloane Hagen
Erik Knudsen: Trey Parker
David Francis: dottor Davis
Karl Graboshas: professore
Roc Lafortune: padre di Lindy
Gio Perez: Victor




Trailer:





Recensione:

Allora, me lo sono appena rivisto per la 15 volta :)
E ogni volta scopro cose nuove.

La storia della Bella e la bestia trasportata ai giorni nostri in un liceo é una genialata. Primo perché affronta un tema come il bullismo e ce lo spiega in una marea molto interessante e poi perché riprende quasi la storia della fiaba.

Kyle é il bello della scuola, non calcola minimamente i brutti, lui li odia, lui li disprezza, lui li critica e li insulta.
Lindy, resta affascinata da lui perché crede che sotto tutto quel marciume (come lo chiamo io) si trovi del buono. Lei é ottimista. Però quando Kendra viene insultata e derisa da lui alla festa della scuola, Kyle si ritrova maledetto. Ha un anno per trovare una ragazza che lo ami per il suo lato estetico.

Una sera dove un crimine viene commesso, Lindy si ritrova catapultata nella vita di Kyle. E la convivenza comincia. Difficile all'inizio ma piano piano... nasce qualcosa....

Allora, parliamo degli attori come prima cosa... Alex e Vanessa sono di una bravura unica. Si vede che hanno amato i loro ruoli. Si sente la passione. Non ho visto altri film con loro due dunque non posso giudicare altro. Però posso solo dirvi che hannointerpretato il ruolo della Bella e della Bestia alla perfezioni. Giovani e carismatici.

Le scene... parliamone.. allora, hanno tagliato un paio di cose dal libro, e credo sia normale. Tutta la parte della chat é sparita. Forse é meglio perché Kyle era un personaggio introverso nel libro, qui invece si apre quasi subito con Lindy.
Le musiche . Wow. Sono azzeccate anche se la canzone della fine sui titoli di coda avrei preferito sentirla nel film, però son gusti personali.

Per finire questa presentazione/mini recensione, vi dico che se volete una storia romance e che vi mostri come i giovani di oggi possono cambiare e pensare di meno all'aspetto fisico e più a quello psicologico, dovete guardarlo.








 Autrice: 

Nata a Glen Cove, nello Stato di New York, è cresciuta tra le città di Syosset e Miami, Florida, dove attualmente vive con il marito e le due figlie. Già a cinque anni ha l'obiettivo di diventare una scrittrice e si sforza di scrivere articoli per riviste come "Highlights", ma non vengono mai pubblicati. A dodici anni si trasferisce in un sobborgo di Miami, Palmetto Bay, dove ha difficoltà ad integrarsi con i nuovi compagni di scuola. Questo argomento le dà lo spunto per molti suoi libri, in particolare per "Breaking Point". Si diploma alla "Miami-Palmetto High School" e prende parte ad un progetto artistico chiamato "PAVAC" (Performing And Visual Arts Center), altra fonte di ispirazione per i suoi scritti, in particolare per "Diva". Successivamente si laurea presso l'University of Miami con specializzazione in canto lirico, per poi frequentare una scuola di legge, campo in cui lavora per dieci anni, prima di dedicarsi esclusivamente alla scrittura.

Nessun commento:

Posta un commento