martedì 7 febbraio 2017

Salva il mio cuore di Daniela Perelli

Titolo:  Salva il mio cuore
Autore: Daniela Perelli
Uscita:  2016
Genere:  Romanzo
Editore:  Rizzoli
Collana:  You Fell

Ciao Girls!
Devo ammettere che la collana You Fell ultimamente non mi ha mai deluso, ma questa volta… Questa volta me ne esco un po’ insoddisfatta e poco coinvolta da un libro la cui trama mi sembrava davvero molto carina!

Trama
Alessandro è il rampollo di una famiglia facoltosa che produce vini pregiati, ma soprattutto è il padre single della piccola Francesca. E quando arriva a San Gimignano mette scompiglio nella vita e nel cuore di Marilyn, insegnante precaria di mattina e rappresentante di cosmetici nel pomeriggio. La giovane donna vive nel paesino toscano con i fratelli Tommaso e Ella, con cui ha un rapporto molto intenso, e non ha il tempo per una storia d’amore. Ma un evento del tutto inaspettato metterà a dura prova la sua quotidianità e i suoi sentimenti.
I paesaggi suggestivi della campagna toscana, le vigne e le stradine ciottolose fanno da sfondo a una storia d'amore ricca di emozioni contrastanti, di ferite e di coraggio. Perché la voglia di amare è più forte della paura di soffrire.




 

Recensione
La trama di questo libro è sicuramente interessante e fa presuppore un romanzo dai toni assolutamente sentimentali. Devo dire che dal punto di vista delle aspettative non delude: Marilyn si trova a dover affrontare un periodo particolarmente difficile della sua vita a causa della prematura morte dei suoi genitori, con lei, a darle supporto e a starle accanto, ci sono i fratelli maggiori: Tommaso e Ella. La protagonista femminile viene presentata come profondamente ironica, ma tendenzialmente insicura per questo crede di non avere alcuna speranza di intraprendere una relazione con Alessandro, un fascinoso e misterioso uomo, tanto fatalmente quanto casualmente incontrato. Ovviamente le insicurezze di Marilyn crollano come un castello di carte proprio appena Alessandro la vede e, altrettanto ovviamente, lui ne resta folgorato.
Alessandro si è trasferito in Italia con sua figlia Francesca, e si dimostra, apparentemente freddo e disinteressato, per poter tutelare la figlia, vuole tenersi alla larga da qualsiasi tipo di coinvolgimento amoroso. Lui e Marilyn provano ad ignorare l’attrazione che li calamita reciprocamente e tentano, invano, di fermarsi ad una relazione di amicizia.
Detto così il libro sembra veramente carino, però…. Io non sono stata in grado di adorarlo. Lo stile lessicale è abbastanza basic, e in qualche punto mi è sembrato grossolano, nel senso di poco curato, frettoloso. La stessa frettolosità che rintracciamo nella narrazione che, per certi versi, si presenta superficiale, poco approfondita (complice forse anche al brevità del libro) lasciando il lettore con un po’ di amaro in bocca. Le vicende sono poco sviscerate e la velocità a volte non consente di assaporare completamente la narrazione.

A favore?? La cornice: l’adorabile (e, dalla sottoscritta, adorata) Toscana. Le forme d’amore: tante e diverse, narrate (evviva!) con estrema semplicità.



Nessun commento:

Posta un commento