domenica 22 gennaio 2017

Da "Davanti agli occhi" ad "E allora baciami" di Roberto Emanuelli

Ciao Girls!

Roberto Emanuelli. Vi dice niente questo nome… Se volete saperne di più vi invito a spulciare tra le mie recensioni e a beccare quella che forse ho scritto con più entusiasmo, più emozione e più coinvolgimento. Si tratta del libro “Davanti agli occhi”, opera di un tanto brillante quanto giovane autore romano. All’epoca mi sono letteralmente innamorata di questo libro… Sarà stato perché l’ho letto in un momento un po’ particolare della mia vita, uno di quei periodi di transizione in cui si ha bisogno di staccare la spina dal mondo intero e rifugiandosi in quella che Bennato chiama “isola che non c’è”. Ecco, io con questo libro sono riuscita a trovare la mia isola: chiusa in una stanza, rannicchiata sul divano, persa tra le pagine di un libro che spinge, necessariamente, alla riflessione e alla crescita, alla consapevolezza e alla presa di coscienza che si riparte sempre. Da un punto qualsiasi, ma mai perdendo di vista l’obiettivo: noi stessi e la nostra serenità.

Nel leggere le sue righe non si può far nulla di diverso che abbracciare una filosofia di vita per la quale, fin da subito, ho provato un’innata simpatia:
“Siamo solo per pochi perché sorridiamo a tutti senza compiacere nessuno, perché inseguiamo il nostro sogno ma facciamo il tifo anche per quello degli altri. Perché è solo se impariamo a credere nel prossimo che possiamo specchiarci negli occhi di chi ci guarda e vederci più belli e meno soli. Le guerre, semplicemente, cessano quando smettiamo di farle. Un cuore senza odio residuo è un cuore pronto al meglio. E io ho ancora voglia di immaginare un mondo dove le persone si agitino per essere con le persone e non contro le persone. Quanta gente vedo arrendersi, prendendo il “meno peggio” per paura di non poter prendere più niente, senza capire che, in quel modo, stanno rinunciando a tutto. Noi non smetteremo mai di concederci chance di felicità, perché crediamo nell’amore, e non siamo soli e pochi, noi siamo solo per pochi…”


Ho già speso più di qualche parola (e di complimento) per questo autore che, in tutto e per tutto, è stato in grado di affascinarmi e di incantarmi attraverso le sue parole. E per i commenti sul suo libro vi rimando alla mia recensione, ma, care bookish, questo post ha tutt’altro obiettivo. Infatti, dopo la pubblicazione del suo “Davanti agli occhi” edito da EdizioniEfesto, una piccola casa editrice che ha scelto di investire su Roberto, credendo nelle sue doti e nel sua spiccata inclinazione per il testo scritto, Roberto è stato notato dalla casa editrice Rizzoli che pubblicherà il suo nuovo romanzo “E allora baciami”. Ora, non voglio dilungarmi a dire quanto possa essere importante credere nei propri progetti e nelle proprie aspirazioni, perché credo che sia cosa risaputa che non vale mai la pena di gettare la spugna, anche quando tutto sempre essere impossibile. Voglio però soffermarmi sulla caparbietà di un giovane ragazzo che ha creduto nelle sue righe e che intrapreso un percorso talvolta tortuoso, per certi versi difficile, ma che, tutto sommato, lo ha portato a raggiungere il suo sogno.

Questo post non è solo una segnalazione per un autore che apprezzo e stimo, ma è anche un monito per tutti quei libri self publishing che tutti noi di bookish abbiamo recensito (a volte apprezzando e a volte criticando), vuole essere un incoraggiamento per tutto quei giovani autori che stanno cercando di trovare uno sbocco: trovate una storia, fatela vostra e poi metteteci tutte le vostre capacità lessicali, grammaticali e sintattiche e rendeteci partecipi di una narrazione in grado di coinvolgere, ammaliare e incantare. Apprezzate i complimenti e fate vostre le critiche, servono a crescere e a migliorarvi! Detto questo… Torno a Roberto e, noi di Bookish, gli rinnoviamo i nostro più grande in bocca al lupo per la nuova avventura che sta intraprendendo con la nuova casa editrice!




n.b. le immagini per questo post sono state tratte dal sito ufficiale di Roberto Emanuelli (http://robertoemanuelli.it/)

Nessun commento:

Posta un commento