domenica 6 novembre 2016

Luna nera di Laurell K. Hamilton



Titolo: Luna nera
Serie: Anita Blake – Cacciatrice di vampiri
Titolo originale: Lunatic Cafe
Autore: Laurell K. Hamilton
Genere: Romanzo
Anno di pubblicazione in Italia: 2004
Casa editrice: Editrice Nord s.u.r.l., Milano


Trama

La relazione con Richard è la piacevole novità che attraversa la vita di Anita Blake, anche se conciliare il lavoro di risvegliante, la paura di legarsi a una persona e il fatto che quella persona è un licantropo non è poi così semplice. D'altra parte, la Sterminatrice di vampiri è abituata alle situazioni estreme e, per lei, le insidie sono sempre in agguato. In un bosco poco fuori St. Louis, infatti, viene scoperto il cadavere di un uomo mutilato. Convinta che sia colpa di un orso, la polizia vorrebbe archiviare il caso, ma per Anita è evidente che l'assassino è un lupo mannaro e che quella morte è collegata alla serie di sparizioni che sta sconvolgendo la comunità di licantropi. Non a caso, quella stessa notte, Anita viene convocata dal capobranco, Marcus ­ che è anche l'avversario più determinato di Richard ­, il quale le ordina di scoprire il responsabile dei rapimenti. Anita, suo malgrado, viene così coinvolta in un'indagine pericolosa, fitta di personaggi inquietanti e con troppi segreti da nascondere: i licantropi, lo stesso Richard, senza dimenticare l'onnipresente Jean-Claude, l'affascinante Master dei vampiri, che non vuole rinunciare ad Anita ed è pronto a tutto pur di conquistarla...



Serie Anita Blake: 
#1 - Nodo di Sangue 
#2 - Resti Mortali
#3 - Il circo dei Dannati 
#4 - Luna Nera 
#5 - Polvere alla Polvere 
#6 - Il ballo della Morte 
#7 - Dono di Cenere 
#8 - Blue Moon 
#9 - Butterfly 
#10 - Narcissus
#11 - Cerulean Sins
#12 -  Incubus Dreams
#13 - Death Dance 
#14 - Harlequin 
#15 - Blood Noir 
#16 - Skin Trade 
#17 - Bullet
#18 - Hit List 
#19 - Kiss The Dead 
#20 - Affliction 
#21 - Jason (29/09/2016)
#22 - Dead Ice (INEDITO)


Recensione

Ne Il circo dei dannati, avevamo lasciato la nostra Anita alle prese con la sua “relazione” con Richard, lupo mannaro rivelatosi anche l’uomo perfetto. Bravo, dolce, gentile e premuroso nei confronti della nostra protagonista, infatti, Richard non perde mai un colpo, e all’inizio di Luna nera Anita decide di passare una serata a teatro con il suo lupo, però la presenza di Jean-Claude scuote un po’ le acque. Acque che ben presto si tramuteranno in un vero e proprio fiume in piena che rovinerà completamente l’appuntamento romantico di Anita: arriverà infatti una chiamata da parte della polizia. Nel bosco, è stato rinvenuto il corpo di un uomo massacrato. Le indagini portano ad incolpare un orso, ma Anita sa che non si tratta di un orso, sa che in quella storia c'è lo zampino dei licantropi, e, coincidenza delle coincidenze, l’acerrimo nemico di Richard, Marcus l’attuale capobranco, convoca Anita al suo cospetto proprio quella sera stessa, per chiederle di indagare sui recenti rapimenti di lupi mannari.

La visita al Lunatic Cafe, il ristorante gestito da Marcus, non ha buon fine: rifiutandosi di farsi disarmare, finisce per dover sparare ad Alfred, la guardia del corpo del capobranco, il cui sangue eccita il pubblico di licantropi presente, che rendono difficile la fuga di Anita: viene qui aiutata da Rafael, e Kaspar, un uomo-cigno, che le consegna tra l'altro la cartella contenente i nominativi dei licantropi scomparsi. Consultando la cartella, la Sterminatrice scopre che sono sei le persone scomparse, decide quindi di contattare il suo collega assassino, Edward, per sapere se ha qualcosa a che fare con le scomparse, e si mette d'accordo con lui per incontrarsi.

Il giorno seguente, Anita viene contattata da due potenziali clienti, nessuno dei quali è lì per le sue abilità di risvegliante: la prima è una scrittrice dagli occhi colore dell’oceano, Elvira Drew, che le chiede di metterla in contatto con un ratto-mannaro per poter completare il suo libro sulle creature mutaforma. Lei è riluttante a darle nomi, dato che la segretezza è molto importante per i licantropi, ma promette di trovarle qualcuno disposto a parlarle. Il secondo è Kaspar, mandato da Marcus che vuole chiederle scusa per la notte appena trascorsa e chiederle di nuovo aiuto per le sparizioni.

Dopo il lavoro, Anita raggiunge Richard per la cena:qui occhi a cuoricini per le romanticone..Richard infatti le chiede di sposarlo, ed Anita accetta d'impulso. Ovviamente Anita non sarebbe lei se non si facesse condizionare da mille ripensamenti, i primi iniziano quasi subito, dopo che alla richiesta di aiuto a Richard per identificare un leopardo mannaro che ha preso parte ad uno snuff movie con tanto di omicidio, vede il suo amante peloso reagire eccitato al sangue e alla violenza… reazione salutare per un rapporto appena iniziato, non trovate?? Ad ogni modo lui non sa come aiutarla, sa solo che Raina, moglie di Marcus, è solita girare film porno con attori mannari, e le promette quindi che indagherà.

Nel frattempo Anita non si annoia, attaccata da Gretchen, vampira innamorata di Jean-Claude, si trova a dover comunicare al vampiro di essersi fidanzata con il licantropo. La reazione del Master è ovviamente violenta, se il lupo vuole stare in vita lei dovrà concedere pari opportunità anche al vampiro, insomma il triangolo si infittisce! Ad incrementare la tensione già palpabile, arriva Raina, assieme a Gabriel. Qui Anita ci da un resoconto di come si svolga la politica soprannaturale, e capisce di quanto il vampiro sia dipendente dall’alleanza con i lupi e sia succube quindi di loro allarmanti richieste.

In questo clima di scontro e rimorsi, Anita viene nuovamente contattata dalla Spook Squad: è stata ritrovata una enorme pelle di serpente e un uomo in fin di vita lì vicino. Successivamente, si reca ad interrogare il sopravvissuto, che riferisce di essere stato attaccato da alcune streghe, una delle quali aveva gli occhi colore dell’oceano..eh si proprio lei, Elvira Drew. Anita capisce quindi che la giornalista sta cacciando i mutaforma, contatta l'ufficio e scopre che Bert, il suo capo, l’ha messa in contatto con Louie Fane, che ora è scomparso. Alla casa di Elvira, lo scontro non porta i risultati sperati, alcuni licantropi mancano ancora all’appello.

Frustrata per questa situazione, la ciliegina sulla torta cade quando Kaspar la chiama e la invita a casa sua. Qui si scoprono le carte, Kaspar non è chi diceva di essere, i licantropi scomparsi non sono semplicemente scomparsi, e ancora una volta Anita si troverà a lottare per rimanere in vita.

Questo capitolo della serie, sebbene intrecci in vari momenti il soprannaturale e tutte le sue vicende, ci mostra una Anita più in veste di investigatrice che di risvegliante, molti passaggi ci mostrano che la Sterminatrice non è solo un bel corpo che picchia duro, ma che possiede anche una mente acuta e attenta. Anche se a volte sembra una completa tontolona..con affetto!!

Sebbene presenti varie situazioni intrecciate e la comparsa di alcuni nuovi personaggi di cui dovremo ricordarci in futuro, questo capitolo non è uno dei migliori scritti dalla Hamilton a mio parere. Anche se il suo stile è sempre avvincente e veloce, in alcune parti del racconto credo si sia dilungata troppo nel tratteggiare il background narrativo invece che concentrarsi di più sulla storia principale. Ad ogni modo amo questa scrittrice, quindi una piccola digressione dal percorso usuale posso tranquillamente accettarla, anche perché vi assicuro che neanche stavolta avrete tempo di annoiarvi!!




 


Nessun commento:

Posta un commento