venerdì 26 agosto 2016

Tra di noi nessun segreto di Robin C.

Titolo: Tra di noi nessun segreto
Autore: Robin C.
Editore: Newton Compton Editori
Pubblicazione: Giugno 2016
Genere: Romanzo

Ciao girls,
ma io vi chiedo… L’avete visto? Questo tanto meraviglioso, quanto misterioso, uomo che poggia il suo avambraccio sulla sue cosce? Chino, pensieroso, perplesso? Soffermatevi sui particolari: il profilo ben definito, il fisico scultoreo costretto in un elegantissimo vestito, le mani perfettamente curate, capelli divinamente pettinati. Ok, l’uomo perfetto non esiste, ma siamo sincere… non ci si può non lasciare ammaliare da questa copertina nel vano, irrealizzabile, desiderio che un uomo così nella vita possa capitare veramente!


Trama
Mathias Crawford è un uomo spregiudicato, calcolatore e dal cuore di ghiaccio. Nasconde, però, una ferita che non si rimargina, un segreto inconfessabile, e l’unico modo per poter mettere a tacere la sua coscienza è non farsi toccare dai sentimenti, né da quelli che gli altri provano per lui, né da quelli che, involontariamente, possono nascere nel luogo più remoto del suo cuore. E così, quando l’incontro con la giovane e ingenua Scarlett farà nascere un’emozione imprevista nel suo petto, sarà pronto a controllarsi. Perché nulla vale la pena, eccetto i soldi. “Nessun legame. Nessun sentimento. Nessuna emozione. Non pensare. Non sentire”, è così che Mathias va avanti, tra compromessi e umiliazioni, lussi e ambiguità, in un crescendo di perversioni e menzogne che non sembra avere fine. Ma Scarlett non ha paura della spirale di perdizione in cui è intrappolato Mathias, e l’attrazione per lui è qualcosa che non pensava avrebbe mai provato…





Recensione

La scrittura è molto scorrevole. Il libro si legge veramente volentieri e tiene compagnia per qualche serata senza annoiare.



Considerate le premesse della trama, non poteva che trattarsi di una splendida storia d’amore, di quelle che lasciano con il fiato sospeso e che fanno sognare ad occhi aperti!

Da una parte c’è Scarlett, rimasta orfana e quindi costretta dalla sua condizione a lavorare nella reception di un rinomato albergo per potersi mantenere gli studi.

Dall’altra troviamo Mathias, veramente ben descritto, infatti, fin dalle prime pagine si riesce ad immaginare dettagliatamente l’adone d’uomo che si rivela essere nel corso del libro.

Nemmeno a dirlo Scarlett rimane estasiata da questo giovane uomo e, nel giro di poco, scopre che lui è un gigolò. Lui si costringe a non interessarsi a lei, percependola come un possibile pericolo per l’equilibrio piscologico che faticosamente è riuscito a costruirsi giorno dopo giorno.

Sicuramente lodevole la delicatezza con cui l’autrice tratta il lutto che ha pesantemente segnato la vita di Mathias. Elemento che viene rivelato e messo in chiaro fin da subito evitando una suspense che, evidentemente, l’autrice sceglie di non mantenere. Per quanto crudele possa essere il passato di Mathias viene messo tutto sul piatto, definendo perfettamente la sua storia e i sacrifici che è pronto a fare per poter difendere l’unica cosa che gli resta della donna di cui era follemente innamorato: sua figlia.

Parallelamente alla sofferenza di Mathias c’è quella di Scarlett che vive la sua vita fondamentalmente da sola.

Se lui è una macchina del sesso ed è un personaggio dissacrante, chiuso nel proprio dolore per la vedovanza, precariamente in equilibro in una vita lontana da ogni sentimento (se non l’amore smisurato per la figlia e il legame ancora apparentemente intatto con la moglie morta)… Lei è purissima giovane e aperta ai sentimenti. Quando l’interesse reciproco non può più essere gestito e si assiste all’avvicinamento tra i due la storia si capovolge e la personalità del vecchio Mathias esce fuori, prepotente e irriverente. Ed è qui che l’autrice ci regala quei momenti da restare con il fiato sospeso che, inizialmente, aveva negato al lettore giocando a carte scoperte.

Sicuramente una buona storia che si allontana dalla comune scontatezza della storia d’amore tra la brava ragazza e il bello e maledetto.





Nessun commento:

Posta un commento