lunedì 1 agosto 2016

Class reunion: La reginetta del ballo di Emily Susan Bell

Quando si dice non giudicare il libro dal titolo o dalla copertina, a volte si ha proprio torto!!
Il libro di cui vi parlo oggi è Class reunion: La reginetta del ballo di Emily Susan Bell.


Anno: 17 giugno 2014
Genere: Romanzo rosa
Pagine: 157

TRAMA:

Amici, c'è un nuovo libro in circolazione che non può mancare alle vostre letture: Emily Susan Bell scrive Class Reunion, la storia di una ex cheerleader prima della classe nel corso delle stronze.
Sì, perché la cara Jennifer Taylor al liceo ne ha combinate! Oh, se ne ha combinate, mi potete credere sulla parola. E ora che da adulta è tornata a Bellevue - dove tutto ha avuto inizio e fine a causa di un perfido tranello ordito contro di lei - Jennifer, la stimata psicologa, dovrà decidere se portare a termine il suo piano di vendetta.

Samantha, Chloe, Meredith e poi ancora Luke, Matthew e perfino la signora Thompson: tremate, perché le stronze sono tornate!

Il tramonto su Bellevue potrebbe avere le tinte della vendetta della dottoressa Taylor.

Certo, sempre ammesso che i suoi pazienti glielo permettano. Del resto perché mai il mite Michael Sapper ha così tanta paura di essere perseguitato dalla C.I.A.? Possibile che a Langley non abbiano niente di meglio da fare che perseguitare un mr. nessuno che crede nel complotto sui rettiliani?" cit. Nathan K. Raven




RECENSIONE:



E’ un libro che si legge in un’oretta, ed è una lettura veloce che a dir la verità non è che appassiona più di tanto.
E’ troppo scarno di descrizioni e contenuti e la trama lascia un po’ a desiderare…

Sono onesta più volte ero tentata di lasciarlo al suo destino sul kindle e non continuare a leggerlo, ma continuavo a dirmi…magari migliora.
Ebbene no, anzi secondo me la morale che se nella vita semini merda e oltre a raccoglierne poi un po (della serie tutto torna) e poi conquisti l’ ex nerd sfigato del club di matematica che ora è un figo colossale ma che 15anni prima bullavi, non è proprio il massimo.

Sarà che il libro è raccontato dal punto di vista di questo personaggio per il quale proprio per tutta la cacca che ha seminato al liceo e l’approccio antipatico che ha…non riesci a sopportarlo.

Ed è proprio questo il punto, se non hai empatia e simpatia per il personaggio principale…sei alla rovina perché il libro non prende e non viene letto di buona voglia, nonostante poi ci siano sviluppi interessanti.

Il personaggio da antipatico al liceo rimane tale in età adulta, e le battute acide di sarcasmo non hanno un effetto da “humour” ma solamente ti fanno disprezzare di più il carattere del personaggio e quindi a non apprezzare il libro stesso.

Non è mai bello recensire negativamente una lettura, ma secondo il mio punto di vista l’onestà è la prima cosa.
Questo libro non lo consiglio.
Poi magari a qualcun altro può piacere, ma a me proprio non ha detto nulla.



Alla prossima recensione



Nessun commento:

Posta un commento