venerdì 3 giugno 2016

Prometto di sbagliare di Pedro Chagas Freitas


TITOLO: Prometto di sbagliare
AUTORE: Pedro Chagas Freitas
USCITA: Agosto 2015
EDITORE: Garzanti

Ciao Girls!
Anche questa volta mi dedico alla recensione di un libro il cui autore è stata una scoperta del web. Mi sono appassionata al suo modo di scrivere, ho letto qualche citazione tratta dal suo libro e ho pensato che potesse essere sufficientemente introspettivo per i miei gusti.  

Trama
Il locale è affollato e rumoroso. L'uomo è seduto vicino alla finestra e guarda il cielo grigio, annoiato come ogni lunedì mattina. Improvvisamente si volta e lei è lì, di fronte a lui. Gli occhi carichi di stupore e l'imbarazzo tradito dal tremito delle dita che afferrano la borsa. Sono passati anni dall'ultima volta che l'ha vista, il giorno in cui l'ha lasciata. Senza una spiegazione, senza un perché, se n'è andato spezzandole il cuore. Da allora, lei si è rifatta una vita, e anche lui. Eppure solo ora si rende conto di non avere smesso di amarla neanche per un secondo. Per questo, quando lei cerca di fuggire da lui, troppo sconvolta dalle emozioni che la scuotono, l'uomo decide di fermarla. E nel loro abbraccio, in mezzo ai passanti, prometterle di tentare, agire, cadere, sbagliare di nuovo. Amarla. Davvero e per sempre. Questa sembrerebbe la fine, ma non è che l'inizio della loro storia. Perché ogni loro gesto, ogni lettera che si scrivono, ogni persona che incontrano, ha un universo da raccontare. E l'amore è il filo rosso che lega tutto. Quante volte ci siamo chiesti com'era l'amore da cui siamo nati? Come si è sentito nostro padre la prima volta che ci ha tenuto in braccio? L'emozione più grande è quella di ritrovare quello che si è perso e amarlo di nuovo, come se fosse la prima volta.








Recensione
Ovviamente sono un’eterna, cronica, inguaribile romantica e non posso fare altro che dichiararmi innamorata dell’amore. Contemporaneamente non posso esimermi dall’ammettere che sono un po’ ermetica, labirintica, introspettiva e un pizzichino leopardiana… Ammesso questo, devo dire che anche per una che parte da questi presupposti “Prometto di sbagliare” è veramente troppo denso di smancerie.
Dolcissimo, estremamente romantico, talvolta persino troppo ripetitivo.
In realtà più che di una storia si tratta di una lunghissima (e credetemi lunghissssssima) dichiarazione d’amore.
Non c’è una vera e propria trama e spesso e volentieri si legge solo perché lo sguardo scorre e non perché ci sia veramente la voglia di arrivare a comprendere quello che l’autore sta effettivamente raccontando. Il libro è completamente privo di personaggi. C’è una donna, che forse è la stessa in più occasioni, ma non si riesce a capire troppo bene se sia o meno così.
Indubbiamente la capacità lessicale e descritta dello scrittore è lodevolissima. La ricercatezza della terminologia e la puntualità con cui evidenzia emozioni e sentimenti hanno dello straordinario, ma oltre a questo non c’è molto altro.
Mi sono lasciata convincere dalla copertina, da alcune citazione lette qui e là e credevo che si trattasse di semplicemente di stralci descrittivi che poi avrebbero “preso vita” attraverso i dialoghi, oppure attraverso una storia densa di avvenimenti, retroscena…
Mi sarei anche accontentata di un amore classico, normale, ma pervaso dall’innamoramento costante… Invece sono rimasta un tantino delusa e ho faticato a finirlo.
Devo ammettere che sia un buon esercizio di stile, ma che dal punto di vista narrativo non ne sono rimasta entusiasta…








Nessun commento:

Posta un commento