martedì 24 maggio 2016

Non lasciarmi mai indietro - Con o senza di te di Emiliana De Vico

Buon salve ragazze, sentivo sempre parlare di questa scrittrice e del romanzo bellissimo che aveva scritto, quindi incuriosita da queste chiacchiere mi sono precipitata nella lettura di questi due splendidi libri.

Serie Anime in Gioco:

1- Non lasciarmi mai indietro
2- Con o senza di te

Autrice: Emiliana De Vico
Genere: Romanzo
Editore: Self


                                                                  TRAMA:
Lorenza Garbi non è pronta per incontrare Davide Riva. Non ha la necessaria esperienza per comprendere un uomo complesso come lui. Non sa trovare il modo giusto per averne l’alleanza che tanto le serve per un progetto di lavoro. Non sa neanche spiegarsi perché la tratti con freddezza. Lorenza non è la donna giusta per avvicinarsi a lui. Sa irritarlo, portarlo al limite, e con un semplice sguardo riesce a insultarlo.
Davide Riva è un ex giocatore di basket, ex campione della nazionale italiana, ex uomo dal futuro brillante. L’incidente sportivo di cui è stato vittima gli ha tolto tutto, riuscendo a piegarlo. Il Davide Riva che Lorenza incontra è ormai un uomo sul punto di spezzarsi. Eppure sa blandirla, disorientarla, sconvolgerla ed è l’unico che può aiutarla.
Posso combattersi, ignorarsi, fuggire e lasciarsi indietro, ma potranno mai amarsi completamente due persone tanto diverse tra loro?


"Non lasciarmi mai indietro.
Gli chiedo. Il suo palmo mi chiude sulla mia guancia e la sua bocca si avvicina. Le vado incontro, la assaggio e poi permetto al cuore di battere forte e annebbiarmi la mente."

"Guardami mondo. Lui non mi lascerà mai indietro e io camminerò al suo fianco"



                                          TRAMA:

Lorenza Garbi ha imparato ad accettare la carrozzella di Davide Riva. È diventata una compagna premurosa, sempre attenta ai bisogni del suo uomo. Lo abbraccia inconsapevole di dove finisca il suo corpo e dove inizi la sedia a rotelle. Accarezza pelle e titanio senza accorgersene. La loro è una relazione costruita con difficoltà, rinunce e scontri. Il loro futuro sembra delineato. Lei, assistente sociale, lui campione della squadra di basket su ruote. Eppure basta che Giorgia entri nelle loro vite e la stabilità che hanno conquistato cade a pezzi. E tra loro è tutto da ricostruire.




 "Voglio .... con o senza di te."



"E sono singhiozzo. Sono lacrima. Sono parole confuse. Sono biscotto duro. Sono quel "senza di te" che lui ha pronunciato. Sono una Lorenza senza Davide. Sono una donna che piange tra le braccia di una collega rigida e stronza. Ma com’è forte la sua stretta! Sa di esperienza e di già sperimentato. "







RECENSIONE:

Questo è uno di quei libri che ti segna emotivamente.
Un libro che consiglieresti a chiunque di leggere, un libro che insegna, un libro che ti fa pensare, che ti aiuta a percepire il modo di in cui si "guarda" chi è diverso da noi.
La diversità, una parola così bella, ricca di significato, il dizionario Treccani la enuncia così :
DIVERSITA': L’esser diverso, non uguale né simile: d. d’aspetto, di colore; d. di opinioni, di gusti. Anche, ciò per cui due o più cose sono diverse.
Che le cose non siano uguali tra di loro è un bene, soprattutto in riferimento alle persone, ognuno c'ha le sue peculiarità, i suoi difetti, i suoi pregi.
Che tristezza sarebbe se fossimo tutti uguali!
Ma  la diversità assume un'altro "valore" se associata ad una persona con uno scompenso fisico evidente, e a volte il diverso fa paura perché non si conosce.
Per Lorenza è così, la prima volta che vede Davide, oltre a vedere lo splendido uomo che è, lo vede per la sua carrozzina, per la sua disabilità.
La carrozzina per la giovane donna è un'ostacolo mentale all'aver una relazione con l'ex giocatore di basket della nazionale.
Il dover accettare che la carrozzina sia parte integrante di Davide...che lui non potrà mai camminare e che iniziare una relazione con una persona con la spina dorsale spezzata, cambierebbe inesorabilmente il suo modo di vivere, sono i dubbi che angustiano Lorenza, ben conscia che affrontare tutto ciò, sarebbe una sfida bella tosta.Ma quando si rende conto che la carrozzina è un accessorio che aiuta Davide a vivere la sua vita in maniera più easy e che le accortezze nei confronti della sua situazione sono iniziali ( poi vengono in automatico), Lorenza si lascia andare e vede veramente Davide per la persona che è.

Se per Lorenza il problema è accettar Davide per la sua disabilità, per Davide il problema è tutto il resto.
Da quando l'incidente gli ha spezzato la schiena, da quando la sua vita si è trasformata da atleta della nazionale a uomo in carrozzina, Davide è arrabbiato con il mondo.
Arrabbiato per quello che gli è successo, per la sua condizione permanente, per il forte disagio che prova a far le cose più semplice, arrabbiato per le cose che non potrà più fare o che non potrà mai fare, arrabbiato per il fatto che non si sente più uomo.
Lorenza lo spronerà in questo e gli darà motivo di sentirsi vivo dopo anni, di sentirsi uomo, di sentirsi finalmente se stesso.

Ho apprezzato un sacco la maniera diretta di scrivere della De Vico, non gira intorno al problema, lo affronta nella sua schiettezza e brutalità.
Non indora la pillola, ma va dritta al punto e lo racconta senza aver sentimenti buonisti verso una persona diversamente abile.
Entra nella testa di tutte le persone e dice le cose che ognuno di noi pensa, ma che non vogliamo ammettere o che non diciamo a voce alta.

Il secondo libro invece....mamma santaaaaaaaa!
Ho odiato Davide in alcuni punti...se nel primo libro la sua condizione era la scusante del suo burbero caratteraccio, nel secondo lo si vede per lo stronzo che è!
Lui si arroga il diritto di prendere delle decisioni che dovrebbero coinvolgere anche Lorenza, lui le dice parole forti, lui la tratta da pezza per i piedi...anche se in realtà quello che pensa e quello che dice molto spesso non coincidono.
Purtroppo Davide affronta delle problematiche legate al suo handicap e la paura di non essere abbastanza e/o abbastanza uomo per Lorenza spesso lo rendono un vero cretino.
Invece di coinvolgere la donna che ama con le sue difficoltà o i suoi desideri, la esclude.

La coppia ce la farà a superare l'ennisima difficoltà?

Se volete saperne di più leggete questi meravigliosi libri.
Io ve li stra consiglio.



Un Bacio e alla prossima recensione





Nessun commento:

Posta un commento