sabato 9 gennaio 2016

Lost Soul di Veronica Scalmazzi

Hola lettrici e lettori!
Oggi vi recensisco un libro che ho amato e adorato!
Si chiama Lost Soul di Veronica Scalmazzi.

Trama: 

 Ian Crofford non esiste più.
Un ubriaco al volante gli ha portato via la sua Susan e la loro piccola Lucy, strappandogli per sempre la sua unica ragione di vita.
Ora vivere è diventato insopportabile, ciò che resta di lui è solo un uomo invisibile che sopravvive dilaniato da un dolore che fa sempre più male.
Hope Sullivan ama la vita, esiste.
I giorni bui appartengono al passato. Vivere a pieno il mondo che la circonda è diventato il suo unico scopo.
Ma cosa succede quando un'anima persa, dagli occhi blu come il mare in tempesta, incontra un angelo dai capelli rossi?
Un filo invisibile li lega. Un filo che li porterà ad andare oltre l'apparenza, a cercarsi e perdersi l'uno nell'altro.
Ma a quale prezzo? E se i demoni del passato nascondessero una verità troppo grande da sopportare?
LOST SOUL è una storia di dolore e tormento, dove il destino giocherà la sua ultima carta: quella dell'amore. Un amore alla ricerca di un nuovo domani, sguardo dopo sguardo... battito dopo battito.




Recensione: 


E' un libro che ho divorato in una serata, mi ha fatto piangere, emozionare e mi ha fatto riflettere molto.

Sinceramente parlando non pensavo che questo libro potesse essere così emotivamente forte, e ne sono rimasta sorpresa.

La storia narra della distruzione interiore di un uomo che ha perso i beni più preziosi della vita, della tragedia e di un destino beffardo che si accanisce violentemente.
Racconta la disperazione e lo smarrimento interiore, il desiderio del ricongiungimento con i propri cari che annienta la vita stessa, e che trascina l'uomo in una spirale dove la sua persona non ha più un'identità perché è solo un'involucro della persona che era prima e nulla ha più senso.

Un nastro rosa per lui è il bene intoccabile, dal significato dell'apice dell' amore, tenuto come bracciale funge da spada nel petto nel ricordo costante del senso di perdita e di vuoto in cui è costretto a vivere.
Quest'individuo distrutto è Ian un giovane uomo che in seguito ad un incidente stradale perde moglie e figlia.
Visto che la sua vita da ricco manager ormai non ha più senso dopo questa tragedia, si rifugia nella strada e ci vive per due anni come senza tetto senza farsi mai riconoscere.

Fino a quando non incontra per caso Hope, una giovane donna dai capelli rossi che assomiglia molto alla sua defunta moglie.
Pian pianino il personaggio di Ian ha un'evoluzione interiore....
La ricostruzione del proprio io, il ritrovamento della propria anima e del percorso di vita.
Sensi di colpa per il passato perso e del futuro nuovo.
E tutto questo grazie a quella ragazza che vive ogni giorno al massimo, senza mai pensare al negativo.
Ma il destino si sa ruota e programma tutto per un motivo, e proprio il destino ha giocato con le vite di Ian e Hope.
Come?
Ti consiglio vivamente di leggere il libro per averne risposta!



Un abbraccio e alla prossima recensione.



Nessun commento:

Posta un commento