martedì 8 dicembre 2015

Trent'anni e li dimostro di Amabile Giusti

Ho iniziato questa lettura perchè il titolo mi incuriosiva parecchio...
Posso dirlo tranquillamente...ebbene anch'io sono sulla soglia dei quasi 30 anni...l'anno prossimo spegnerò queste malefiche candeline.
E quindi perchè non farmi un'idea leggendo questo libro sulle quasi-neo trentenni?

Il libro è Trent'anni e li dimostro di Amabile Giusti 

Trame:

Carlotta ha quasi trent'anni, e si considera una sfigata cronica: raggiunge il metro e sessanta solo con i tacchi a spillo, ha una famiglia decisamente folle e all'orizzonte non vede l'ombra di un fidanzato come si deve. Non solo: è appena stata licenziata a causa della sua irrefrenabile schiettezza... ma ora, per arrivare a fine mese, è costretta ad affittare una stanza del suo appartamento. Luca, il nuovo inquilino, ha molti pro (è bellissimo, fa lo scrittore, è dannatamente simpatico) ma altrettanti contro: è disordinato, fuma troppo e ha il pessimo vizio di portarsi a casa le sue conquiste, una diversa ogni notte. Carlotta non chiude occhio e in più si sente una vera schifezza. Non lo ammetterebbe mai, ma quel maschio predatore che tratta le donne come kleenex e gioca sul fascino tenebroso del romanziere la sta facendo innamorare. In una girandola di eventi sempre più buffi, tra una madre terribile, una sorella bellissima e gelosa, una tribù di parenti fuori controllo, un nuovo lavoro tutto da inventare e molti incontri ravvicinati con Luca e le sue fidanzatine di passaggio, Carlotta imparerà che è lei la prima a dover credere in se stessa... Del resto è stato così anche per l'autrice di questo romanzo, che scrive da sempre e non si è arresa alle difficoltà del mondo editoriale, decidendo di auto-pubblicare il suo libro in rete... il successo è stato talmente grande che presto un'agente ha notato il libro, e ha dato vita a un'asta tra gli editori! Per questa nuova edizione cartacea del romanzo Amabile ha lavorato ancora, insieme alla sua editor, per regalare alle lettrici una storia strepitosa, scritta magnificamente e piena dello humour e dei sapori delle ragazze italiane. La storia di una donna vera, non giovanissima, non bellissima, ma piena di grinta, e capace di trovare il proprio posto nel mondo. Perché nella lingua della felicità l'aggettivo imperfetta vuol dire, semplicemente, unica.








La storia narra di Carlotta una ragazza quasi trentenne, che vive da sola, ha un rapporto conflittuale con la sorella e la madre, mentre ha un rapporto strettissimo con il padre.
Carlotta rispetto al restante delle cugine, sorella, zie e altre parenti è single e questo la classifica come sfigata, zitella...
Sebbene Carlotta non si caratterizza per la sua bellezza e prestanza fisica, ha un carattere che a parere mio spacca nel senso buono del termine.
Lei è sincera, schietta, divertente, buffa, comica, solare.
Ha solo due amiche. Ha una laurea. 
Ma come purtroppo oggi succede un lavoro inesistente, disoccupata di fatto.

Questo la porta alla ricerca di un coinquilino...e qui entra in scena il buon Luca.
Ragazzo dalla scopata facile, playboy da una botta e via, che non crede nell'amore ma solamente all'appagamento immediato.
Che succederà?? Non anticipo nulla ma sappiate che...........................................................................

l'ho trovato un libro magnifico, contro ogni aspettativa iniziale, un romanzo che ti fa a tratti sbellicare dal ridere, altri riflettere sulla percezione delle altre persone , altri capire che bisogna accettarsi per quello che si è, e infine avere la consapevolezza che l'autostima proviene prima di tutto da se stessi.
Non bisogna aver un'opinione distorta di se per i piccoli difetti che ci caratterizzano, perchè ad ogni difetto sul piatto della bilancia ci sarà un pregio nell'altro.

In poche parole...ve lo consiglio vivamente.




Bacio



Nessun commento:

Posta un commento